BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Car sharing su misura per Bergamo, Zenoni: “Presto un nuovo bando”

L'assessore alla mobilità Stefano Zenoni: "Stiamo cercando, secondo una modalità a step, di migliorare progressivamente la proposta per catturare l'interesse degli operatori privati del settore".

Sono scaduti i primi termini per la presentazione di offerte da parte di enti privati per rispondere al bando predisposto da ATB e Comune di Bergamo per avviare un servizio di car sharing nella città di Bergamo.

Non sono per ora pervenute domande di partecipazione al bando.

“Si chiude la prima fase del bando car sharing – spiega l’Assessore alla mobilità Stefano Zenoni – e si apre immediatamente la seconda. Bergamo ha una soglia dimensionale decisamente inferiore alle città in cui oggi è attivo un servizio di car-sharing modello free floating. Stiamo dunque cercando, secondo una modalità a step, di migliorare progressivamente la proposta per catturare l’interesse degli operatori privati del settore, facendo da apripista a livello nazionale”.

Nelle prossime settimane il bando dunque sarà rimodulato e saranno ritarate le condizioni, attraverso anche la consultazione con esperti del settore, affinché si possa concretizzare quella che rimane una interessante scommessa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nico

    Davvero curioso e inaspettato che il bando sia andato deserto… senza essere grandi esperti del settore era chiaro (ed era stato anche fatto SUBITO notare) che si parla tanto di grande Bergamo e poi un servizio come questo lo hanno pensato solo per la piccola città così chi abita nell’hinterland sarebbe andato avanti a venire con la sua auto ad intasare le strette vie di Bergamo. Le aree urbane omogenee si governano in altro modo e forse questo bandoi deserto obbligherà chi decide a ragionare al di la dei propri piccoli ed inutili confini (come era già capitato con la vicenda smog peraltro…)