BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pulizie a Palazzo Frizzoni, cambia l’appalto: lavoratori garantiti come prima del jobs act

Tutti i lavoratori coinvolti nel cambio di appalto delle pulizie del Comune di Bergamo verranno assunti senza applicazione del contratto a tutele crescenti previsto dal Jobs Act.

Tutti i lavoratori coinvolti nel cambio di appalto delle pulizie del Comune di Bergamo verranno assunti senza applicazione del contratto a tutele crescenti previsto dal Jobs Act.

Nell’accordo si definisce anche l’impegno a concordare in autunno un incremento del monte ore ai lavoratori rispetto a quello garantito dalla vecchia azienda: sono questi i risultati dell’accordo sottoscritto lo scorso martedì per il cambio di appalto dei servizi di pulizie presso il Comune di Bergamo, che coinvolge 17 lavoratori.

“I lavoratori, attualmente assunti dall’azienda National Cleanness Srl, dal 1° luglio verranno assunti dal consorzio ATI composto dalle società Pulim2000 Srl e Lucana Servizi Srl, aggiudicatarie del nuovo appalto – affermano Mauro Rossi, Filcams Cgil Bergamo e Stefano Allieri, Fisascat Cisl Bergamo -. L’accordo, tra i vari punti, prevede che i lavoratori, in deroga rispetto al Jobs Act, non verranno assunti con contratto a tutele crescenti ma con l’applicazione della vecchia tutela contro i licenziamenti illegittimi prevista dall’art. 18 dello Statuto dei lavoratori. Altro punto essenziale ed importante è la previsione, entro 3 mesi dall’inizio dell’appalto (periodo necessario per riorganizzare i servizi) di incrementare i monte ore contrattuali dei lavoratori impegnati nell’appalto che qualche anno fa con l’entrata in appalto della vecchia società uscente, subirono una riduzione forte dei monte ore contrattuali. Entro fine settembre si andrà a definire la quantità di incremento dei monte ore contrattuali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.