BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Il Comune risponde alla Scherma Bergamo: “Al lavoro per trovare un’altra sede” fotogallery

Loredana Poli, assessore allo Sport del Comune di Bergamo, replica alla Scherma Bergamo: “Abbiamo già individuato una possibili localizzazione per un nuovo impianto, resta da stabilire con quale modalità di collaborazione tra pubblico e privato intervenire”.

Dopo la lettera di sfogo della Scherma Bergamo (LEGGI QUI) che denunciava l’ennesima infiltrazione di acqua nella palestra del centro sportivo don Bepo Vavassori in seguito al maltempo di domenica sera, il Comune, chiamato direttamente in causa dall’associazione sportiva, replica per bocca dell’assessore allo Sport Loredana Poli.

“Gentile allenatore,
L’individuazione di una diversa sede per la Scherma Bergamo (che è una delle tre associazioni sportive che propongono la scherma in Città) è un tema che l’assessore allo sport Loredana Poli ha affrontato direttamente con la dirigenza della vostra associazione. Tra l’altro, si inserisce nel tema di impianti e attività sportive localizzate in città ma rivolte ad una popolazione più ampia.
Le palestre di cui dispone il Comune sono palestre ad uso prevalentemente scolastico, perciò non sono adatte ad essere dedicate alla posa delle pedane, dovendo mantenere una vocazione polisportiva. La sistemazione attuale è stata a suo tempo individuata in accordo tra Scherma Bergamo e Bergamo Sport (ora Bergamo Infrastrutture), ma certamente oggi non è più adatta sia per le dimensioni, sia per i problemi di ritorno nell’impianto dell’acqua piovana, anche in eventi meno catastrofici di quello di domenica (che hanno determinato un’emergenza e danni in tutta la città, non solo nella palestra a cui Lei fa riferimento).
Assessorato allo sport, Bergamo Infrastrutture e dirigenza di Scherma Bergamo hanno già individuato una possibile localizzazione per un nuovo impianto: resta da stabilire con quale modalità di collaborazione tra pubblico e privato intervenire. 
Può sembrare impossibile che in una città come Bergamo non sia facile trovare collocazione per la vostra attività sportiva: bisogna ricordare però che la richiesta complessiva di spazi sportivi, e in particolare di palestre, non trova piena risposta nel patrimonio complessivo di impianti e spazi comunali: in un territorio ricco di iniziative, attività e associazioni sportive come quello bergamasco, le richieste sono più numerose delle disponibilità comunali.
Per questo l’Amministrazione sta lavorando per individuare nuove possibilità di collaborazione tra pubblico e privato, pur proseguendo anche con gli investimenti comunali diretti (come per la ristrutturazione della Pista di atletica e per la nuova costruzione di una palestra in via Codussi).”

Loredana Poli

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nico

    …perchè non ipotizzare l’utilizz (almeno parziale) dell’ormai ex palaghiaccio della malpensata? tanto ormai il nuovo impianto “regalato” da italcementi è pronto e funzionante… perchè è pronto e funziona vero? nonostamte non si riesca a trovare notizia della sua apertura direi che è attivo…