BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Nibali: “Al tour spalla di Aru, ma il traguardo è Rio” fotogallery video

Il vincitore del Giro d’Italia è stato invitato al Tennis Club Bergamo come ospite d’onore in occasione dell’evento “Tennis & Food – Bergamo 2016”.

Il vincitore del Giro d’Italia 2016 Vincenzo Nibali è stato invitato al Tennis Club Bergamo come ospite d’onore in occasione dell’evento “Tennis & Food – Bergamo 2016” di domenica 26 giugno.

Il campione messinese ha accolto con grande entusiasmo l’invito del circolo cittadino e, pur non impugnando la racchetta, non è voluto mancare per onorare la prima edizione della kermesse che per due week-end ha animato il Tennis Club di via Baioni. 

La stagione dello ‘Squalo’ si preannuncia molto lunga: il prossimo obiettivo, su quale è incentrata praticamente tutta l’annata, è l’Olimpiade di Rio, ma per arrivarci sarà necessario passare per il Tour de France: “Ci stiamo allenando in montagna – afferma Nibali -. Con blocchi di lavoro in altura. Fortunatamente non abbiamo subito il grande caldo di questi giorni. Ora ci attende qualche giorno di riposo prima della partenza”.

Le strade della Francia non possono che portare ricordi positivi al corridore siciliano. Il capolavoro in giallo firmato 2014 non può essere cancellato da una Grand Boucle 2015 non corsa al meglio, ma comunque conclusa con un dignitoso quarto posto e una vittoria di tappa. Dopo le fatiche del Giro, la condizione rischia di non essere la migliore, ma i chilometri sulle salite transalpine saranno utili per raggiungere il top della forma ad agosto, in vista della rassegna brasiliana.

L’Astana, la squadra per la quale corre Nibali, ha già scelto da tempo il capitano per il Tour: sarà Fabio Aru, ultimo vincitore della Vuelta. Quello che in molti si chiedono è: sarà disposto Nibali a fare da spalla al corridore sardo? “Io e Fabio abbiamo diviso la stagione – spiega il corridore -. Lui si è preparato benissimo per il Tour, io ho puntato al giro. Per quel che mi riguarda, cercherò di essergli di buon appoggio e di conquistare qualche tappa, magari quelle di montagna”.

Prima di puntare tutto sull’olimpiade di Rio, ovviamente.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.