BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Documenti falsi a presunti terroristi: 31enne preso in un albergo di Roma foto

Nella notte tra giovedì 23 e venerdì 24 giugno un somalo di 31 anni è stato fermato dalla polizia a seguito di un’indagine della Digos di Bergamo

Più informazioni su

Procurava documenti falsi a numerosi immigrati, tra cui almeno un paio presunti terroristi. Nella notte tra giovedì 23 e venerdì 24 giugno un somalo di 31 anni è stato fermato dalla polizia in un bed & breakfast di Roma su richiesta della Direzione distrettuale Antiterrorismo di Brescia a seguito di un’indagine della Digos di Bergamo.

Terrorista

L’uomo è risultato essere componente di un’organizzazione internazionale dedita al traffico di migranti, che dai paesi extra-Ue arrivano in Italia e in altri Paesi europei.

Secondo le accuse, il 31enne avrebbe organizzato, facilitato, fornito documenti falsi ed accompagnato in Italia diversi migranti, tra cui i due cittadini siriani arrestati lo scorso novembre all’aeroporto di Orio al Serio, il 31enne Ahmad Alali Alhussein, alias Faowaz Arhadin, e un minorenne, in procinto di imbarcarsi per Malta e destinatari entrambi di provvedimenti cautelari in materia di terrorismo perché ritenuti vicini all’Isis: sui loro telefoni cellulari erano state rinvenute immagini legate all’Isis.

Alla vista degli agenti, giovedì notte, il somalo ha cercato di fuggire scappando dalla finestra dell’albergo in cui alloggiava. Si tratta di Ali Awil Khadar, nato il primo gennaio 1985. Ora è in carcere con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, aggravata dal fatto di aver aiutato elementi sospettati di terrorismo internazionale.

L’attività investigativa ha permesso di contestare all’uomo il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed il reato di assistenza a persone che partecipano ad associazioni terroristiche. Non si trattava dei classici viaggi della speranza a bordo di imbarcazioni di fortuna, ma di spostamenti su comodo aerei.

Il dirigente della Digos di Bergamo, Giovanni Di Biase:

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.