BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dopo la tempesta Brexit, per l’Italia l’ombrello della BCE è oggi irrinunciabile

Il rischio prospettico più inquietante per l’Italia è che la decisione Inglese potrebbe rinforzare drammaticamente le forze eurofobiche con ulteriore indebolimento dell’Unione Europea; per noi l’ombrello della Banca Centrale europea è oggi irrinunciabile.

Difficile ipotizzare gli effetti a medio e lungo termine dell’uscita dell’Inghilterra dall’Unione Europea.

L’economia inglese è prevalentemente finanziaria e si concentra a Londra, dove le urne si sono espresse per la permanenza in Europa; è certo che i mercati finanziari saranno fortemente influenzati dall’impennarsi della volatilità indotta dalle fluttuazioni della Sterlina.

La valuta inglese è particolarmente debole verso il Dollaro e soprattutto contro Yen mentre contro l’Euro oscilla da anni in una fascia mediana compresa tra parità e massimi decennali intorno a 0,65.

È del tutto evidente che l’accentuata volatilità della Sterlina potrà danneggiare la già incerta crescita Europea e segnatamente, quella più debole in Europa, a dire l’Italiana.
Londra siede su una polveriera atomica di derivati, le cui quotazioni possono influenzare negativamente l’economia reale ad iniziare da quella bancaria, che per la verità tanto reale non lo è, se mai lo è stata.

I ribassi di tutto il comparto bancario europeo ne sono la prima evidenza, con queste due osservazioni:
Le banche italiane sono debolissime perché sui mercati concorrono due timori sinergici quali la svalutazione dei titoli obbligazionari in portafoglio a causa dell’incremento dello spread tra Btp e Bund con impatto sui parametri di solidità imposti dalla BCE (CET1 ecc) ed un’ulteriore ripresa della dinamica dei crediti deteriorati in caso di nuova fase recessiva della nostra economia indotta da Brexit.

Le maggiori banche Europee, non toccate dai crediti deteriorati, lo sono fortemente dal rischio di deprezzamento dei contratti derivati che hanno in pancia, il cui impatto reale potrà essere palpabile solo nei prossimi giorni.

C’è da dire che un terremoto così forte sui titoli bancari non si era visto neppure dopo il crollo della Lehman Brothers….
A mio parere il rischio prospettico più inquietante per l’Italia è che la decisione Inglese potrebbe rinforzare drammaticamente le forze eurofobiche con ulteriore indebolimento dell’Unione Europea; per noi l’ombrello della Banca Centrale europea è oggi irrinunciabile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    ma se una buona parte dell’ombrello bce è formato da capitali italiani…io ho l’ombrello ,lo presto ad un amico,e l’amico me lo ridà per non bagnarmi e vantandosene pure per il favore che mi sta facendo….