BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Christo va all’asta, i fondi per l’ospedale di Bangui su desiderio di Papa Francesco

Il progetto benefico "Christo's box. Between art and mercy. A gift for Bangui" alla Gamec ha raccolto 90mila euro destinati all'ospedale di Bangui.

Mentre la passerella di Christo continua ad attenzionare la cronaca della provincia, la città di Bergamo si scopre affascinata anche dai packaging “tascabili” dell’artista bulgaro. In nome della solidarietà e dei valori di carità e misericordia rilanciati dal giubileo di Papa Francesco,la città ha risposto con generosità alla prima tappa del progetto benefico “Christo’s box. Between art and mercy. A gift for Bangui”.

Promossa dalla Segreteria per la comunicazione della Santa Sede e dai Musei Vaticani in collaborazione col Centro Televisivo Vaticano e Officina della Comunicazione, l’iniziativa intende sostenere l’ospedale pediatrico di Bangui, nella Repubblica del Centrafrica, da dove Papa Francesco ha aperto le porte dell’anno giubilare.

Gamec ha ospitato, mercoledì 22 giugno, l’asta condotta dalla casa d’aste Christie’s per l’assegnazione di un cofanetto contenente la serie documentaristica “Alla scoperta dei Musei Vaticani” impacchettato dall’artista e riprodotto in 300 multipli numerati e autografati.

“L’artista ha deciso di realizzare un’opera piccola che l’ha riportato ai suoi primi lavori” – ha spiegato monsignor Dario Edoardo Viganò prefetto della Segreteria per la comunicazione – ” e ha messo insieme in un’efficace ibridazione le Stanze Vaticane dipinte da Raffaello e l’impacchettamento che è la sua cifra di maestro contemporaneo. Oltre alle 300 riproduzioni, anche l’originale potrà in un futuro essere venduto all’asta per un’opera di carità che il Papa indicherà”. L’ecclesiastico ha tenuto a sottolineare la generosità della gente lombarda “che nasce da persone che sanno cosa è il lavoro , il risparmio, la gioia di essere generosi”. I numeri sembrano dargli ragione, visto che già 80 dei 300 cofanetti, precedentemente prenotati, sono stati consegnati a seguito dell’asta benefica.
Bergamo è solo la prima tappa dell’iniziativa. Christies’s, la cui portavoce Bianca Arrivabene si è detta onorata di essere canale privilegiato di promozione e vendita dell’opera di “art and mercy” (arte e misericordia), ha annunciato che “Christo’s box” sarà disponibile nei prossimi mesi nelle loro sedi più importanti e nelle loro aste, oltre che “forse anche on line”.

L’esemplare proposto all’asta è stato battuto a 1600 euro, dopo una sfida durata una decina di minuti tra quattro contendenti.

Il cofanetto, della misura standard dei dvd, propone in copertina l’immagine di un enigmatico, affascinante personaggio della “Scuola di Atene” di Raffaello, che “per alcuni rappresenta la filosofa Ipazia e per altri Francesco Maria della Rovere, nipote del papa Giulio II”, ha ricordato il direttore Gamec Giacinto di Pietrantonio in un rapido excursus storico-artistico sul dipinto rinascimentale, modello per l’intervento molto pop dell’artista bulgaro.
Come ha spiegato la responsabile e direttrice Gamec Maria Cristina Rodeschini “Gamec ha voluto onorare l’evento ospitando l’asta in un ambiente connotato dalle fotografie artistiche di Gabriele Basilico” con scorci della nostra città, per evidenziare la straordinarietà dell’occasione cui la civica Galleria ha tenuto a contribuire anche per il valore aggiunto in termini di solidarietà che “Christo’s box” offre.

“La visita all’ospedale di Bangui”, ha ribadito monsignor Viganò, ” dove mancano le attrezzature, l’igiene e persino i medici che non vengono pagati, ha sconvolto il Papa, al punto da rimanere per lui il segno più radicale del suo viaggio nella città centrafricana”. L’acquisto dell’opera di Christo può dare un contributo concreto e fondamentale per il recupero delle condizioni della struttura. Al punto che Giacinto di Pietrantonio ha concluso con una battuta provocatoria: “Se l’opera non vi piace, compratela non per voi, ma per regalarla: è un’opera di carità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da In-compreso

    Oltre che un’azione di beneficenza, l’acquisto di questo multiplo può essere un discreto investimento.