BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Itema il Premio Italiano Meccatronica 2016 per l’innovazione e la ricerca

Unindustria Reggio Emilia assegna a Itema la decima edizione del Premio Italiano Meccatronica. Itema è stata scelta - tra una rosa di 5 finaliste - per il suo ruolo da leader dell’industria meccano-tessile mondiale e per i costanti investimenti in Ricerca e Innovazione, rinnovati e amplificati dalla creazione di Itema Lab presso il Parco Scientifico e Tecnologico Kilometro Rosso.

Itema, l’Azienda a proprietà privata più grande del settore, fornitrice di soluzioni avanzate per la tessitura, inclusi telai all’avanguardia, ricambi e servizi integrati, con orgoglio annuncia di essere la vincitrice del Premio Italiano Meccatronica 2016.

La decima edizione del Premio Italiano Meccatronica, organizzato e promosso da Unindustria Reggio Emilia in collaborazione con il Club Meccatronica, è stata infatti assegnata a Itema, designata come meritevole del premio tra una rosa di cinque finaliste.

Il Comitato Scientifico ha premiato Itema per aver adottato soluzioni meccatroniche che hanno permesso di sviluppare prodotti innovativi tali da creare una discontinuità positiva nel settore d’appartenenza. Queste le parole che si leggono nella proclamazione ufficiale della giuria: “per il ruolo di leadership a livello mondiale nel settore meccano tessile, un settore altamente competitivo e in cui l’Italia ha un ruolo di assoluto rilievo. Per aver saputo realizzare, unica tra i competitor, una gamma completa di innovativi telai meccatronici per ogni tipo di tessuto e con tutte le tre migliori tecnologie di inserzione della trama senza navetta (pinza, aria e proiettile) grazie a costanti investimenti in ricerca ed innovazione tecnologica. Per aver dato vita ad Itema Lab, il centro di innovazione all’interno del Parco Scientifico e Tecnologico Kilometro Rosso, con l’obiettivo di realizzare il “telaio del futuro” destinato a rivoluzionare il mercato e in grado di apprendere e modificare in maniera autonoma i propri parametri di funzionamento.”

L’amministratore delegato di Itema, Ing. Carlo Rogora ha commentato: “Questo riconoscimento è una medaglia sul petto dei nostri ricercatori, dei nostri ingegneri, dei nostri collaboratori. Per Itema, è stata fonte di orgoglio essere selezionata tra le eccellenze italiane nel campo dell’innovazione meccatronica, e siamo oggi ancora più fieri di essere stati riconosciuti come i vincitori di questo prestigioso premio, nelle precedenti edizioni assegnato ad aziende del calibro di Brembo”.

L’Ing. Rogora ha poi proseguito “La nostra strategia principale per far fronte a un mercato competitivo, in continuo movimento, caratterizzato da instabilità improvvise e repentine è l’innovazione. Itema investe ogni anno una sostanziale parte dei suoi profitti in Ricerca e Sviluppo, e in questa linea guida si è inserito, ormai due anni fa, Itema Lab: il nostro incubatore di innovazione avanzata. La meccatronica è per noi un elemento chiave, che ci permette di progettare e realizzare macchine per la tessitura intelligenti, in grado di semplificare e agevolare il lavoro quotidiano dei tessitori. Nuovi talentuosi ingegneri sono stati inseriti nel gruppo Itema proprio per dedicarsi a questo obiettivo”.

Itema, con sede a Colzate, in provincia di Bergamo, è l’unico produttore al mondo a realizzare telai per la tessitura con le tre migliori tecnologie di inserzione della trama senza navetta: pinza, aria e proiettile. E’ leader nella fornitura di soluzioni all’avanguardia per la fabbricazione di ogni tipo di tessuto, comprese le fibre tecniche, la fibra di vetro e persino gli airbag delle auto, grazie ad una tecnologia finissima. L’azienda ha alle sue spalle una tradizione lunga più di 200 anni e ha prodotto più di 300.000 telai installati in tutto il mondo, con un ampio portfolio prodotti e un costante impegno nel ricercare innovazioni e avanzamenti tecnologici. Fiore all’occhiello di Itema sono i suoi due dipartimenti di Ricerca, di cui uno, con sede presso il Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso, interamente dedicato all’innovazione e allo sviluppo del “telaio del futuro”.

Presieduto da Mauro Severi, Presidente Unindustria Reggio Emilia, il Comitato Scientifico è composto da Maurizio Brevini, Presidente Club Meccatronica, Luca De Biase, Caporedattore Nòva 24 – Il Sole 24 Ore, Cesare Fantuzzi, Docente Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Enzo Rullani, Docente Venice International University e Auro Palomba, Presidente di Community Group, come segretario.

Le altre aziende finaliste, selezionate con la collaborazione di Nòva24 – Il Sole 24 Ore, media partner dell’iniziativa, sono: Bimal (Perugia) – banchi di prova per componenti fluidici e meccanici, Comacchio (Treviso) – macchine perforatrici, Energica Motor Company (Modena) – moto elettriche supersportive.

La cerimonia di premiazione si svolgerà in occasione dell’Assemblea Generale 2016 di Unindustria Reggio Emilia “Costruire una nuova realtà. Imprese e territorio nella quarta rivoluzione industriale”, in programma giovedì 23 giugno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.