BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Italia ha la testa alla Spagna e tradisce: l’Irlanda vince e vola negli ottavi

L’Italia-due, quella delle riserve, tradisce Antonio Conte ed esce ko dalla terza ed ultima gara del girone eliminatorio.

Già sicuri della qualificazione e del primo posto, gli azzurri sono apparsi spenti e privi di motivazioni, nonostante in campo, a Lille, il ct abbia scelto di dare spazio a tutti quegli elementi che nelle prime due gare non erano mai stati impiegati: da Sirigu (uno dei pochissimi sufficienti) a Igbonna, da Motta e Sturaro, da Zaza a Immobile.

Il primo tempo è in mano agli irlandesi che vanno vicini al gol con Hendrick (destro a fil di palo al 9′) e Murphy (gran parata di Sirigu al 21′), mentre al 44′ gli uomini di O’Neill chiedono – invano – un calcio di rigore per il contatto al limite del regolare tra Bernardeschi e McClean.

E l’Italia? Sta tutta nel destro di Immobile che al 43′ mette i brividi alla marea biancoverde che affolla le tribune di Lille.

Nella ripresa partono meglio l’Italia ma all’8′ il sinistro al volo di Zaza su cross di De Sciglio viene deviato in corner dall’attento Randolph.

Poi tanta noia, con gli irlandesi che la mettono tutta sul fisico in cerca del gol-qualificazione.

Al 32′ il neo-entrato Insigne illumina gli azzurri: il napoletano fa secchi due avversari sulla trequarti e, dal limite, prova un destro a giro che si stampa dritto sul palo. E’ l’occasione più nitida delll’Italia in tutto il match.

Al 39′ Hoolahan si mangia il gol del vantaggio (Bonucci regala, ma il centrocampista di O’Neill spara addosso a Sirigu da ottima posizione), e 1′ dopo eccolo il gol dell’Irlanda: gran cross di Hoolahan dalla sinistra e colpo di testa di Brady che non lascia scampo a Sirigu.

La gara va in archivio sull’1-0. Giusto così: l’Irlanda trova tre punti fondamentali che le regalano la storica qualificazione agli ottavi dell’Europeo.

Per l’Italia ora la strada inizia a farsi davvero in salita: c‘è la Spagna dei campioni in carica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.