BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Ramadan, Angeloni scrive ai residenti di via Cornagera e si apre il parcheggio dell’Asl

La presenza di fedeli musulmani in via Monte Cornagera, dove il Comune di Bergamo ha concesso la palestra della scuola De Amicis per la preghiera, ha sollevato alcune segnalazioni da parte dei residenti. Così il Sindaco Giorgio Gori e l'assessore Giacomo Angeloni hanno scritto una lettera al residenti, al comitato di Quartiere di Boccaleone e al dirigente dell’istituto comprensivo De Amicis.

La presenza di fedeli musulmani in via Monte Cornagera, dove il Comune di Bergamo ha concesso la palestra della scuola De Amicis per la preghiera, ha sollevato alcune segnalazioni da parte dei residenti. Così il Sindaco Giorgio Gori e l’assessore Giacomo Angeloni hanno scritto una lettera al residenti, al comitato di Quartiere di Boccaleone e al dirigente dell’istituto comprensivo De Amicis.

Ecco il testo integrale della lettera: “Cari concittadini, l’Amministrazione comunale da alcuni giorni ha autorizzato l’utilizzo della palestra della Scuola Media Corridoni ai fedeli di religione islamica: questi ultimi avevano richiesto uno spazio dove poter celebrare le preghiere durante il Ramadan. Le divisioni interne delle comunità islamica di Bergamo hanno impedito il reperimento di un unico luogo per la celebrazione il mese sacro per l’Islam: la concessione della palestra per la preghiera quotidiana sta comportando inoltre notevoli benefici a via Cenisio e ai suoi residenti. Ci rendiamo conto che la presenza di tante persone possa comportare per il Vostro quartiere, e soprattutto per Voi residenti di via Cornagera, rumore all’uscita delle funzioni o difficoltà a trovare parcheggio.

Proprio per limitare i disagi, abbiamo concordato con l’Istituto Comprensivo De Amicis che gli utilizzatori della palestra si avvalgano dell’uscita posteriore che affaccia su via Gandhi: si eviteranno così assembramenti su via Cornagera. Per quello che riguarda la sosta delle auto, abbiamo richiesto alla direzione dell’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII, l’utilizzo nel fine settimana del parcheggio di Via Borgo Palazzo n.130.

Non solo: il Comune ha scritto al Comitato Musulmani di Bergamo perché garantiscano il più possibile il rispetto nei confronti dei residenti dell’area in cui sorge la palestra. L’Amministrazione ha inoltre richiesto alla Polizia Locale, alla Questura e ai Carabinieri di intensificare i controlli nell’area.

Gli sforzi che l’Amministrazione ha profuso in queste settimane sono tesi a garantire la libertà di culto su cui si fonda la Costituzione del nostro Paese. Per questo motivo dedichiamo le stesse attenzioni ai fedeli di qualsiasi religione. Speriamo che attraverso questa lettera possiate comprendere al meglio il lavoro e le intenzioni sulle quali si basano le scelte operate in questa situazione.
Speriamo di poter ridurre al minimo i disagi per tutto il resto del mese e siamo convinti che non farete mancare la Vostra comprensione e la Vostra tolleranza. Restiamo disponibili a rispondere a tutte le Vostre segnalazioni”.

Intanto per ridurre i disagi nel quartiere, gli islamici potranno lasciare l’auto al parcheggio dell’Asl di via Borgo Palazzo. Una concessione dell’Azienda ospedaliera Giovanni XXIII.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.