BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Lutto a Bottanuco per la morte del 14enne Alessandro, indagini sull’incidente

Lo schianto nella serata di mercoledì 15 giugno a Suisio. I genitori hanno chiesto al sindaco di non annullare la Notte Bianca di sabato

“Era un ragazzo benvoluto da tutti, anche perchè dedicava tempo alle attività oratoriali”. Il neo sindaco di Bottanuco, Rossano Pirola, ricorda così Alessandro Lecchi, il 14enne morto nella serata di mercoledì 15 giugno in un grave incidente a Suisio, in cui sono rimasti feriti altri quattro giovani tra i 15 e i 18 anni.

La tragedia si è consumata poco prima delle 22, all’altezza del civico 18 di via Dante Alighieri. I cinque ragazzi si trovavano a bordo di una Renault Clio che per motivi ancora da accertare è uscita di strada. L’auto ha sbandato, finendo prima contro un marciapiede che ha fatto da rampa: poi la vettura ha colpito un palo della luce, per terminare quindi la sua corsa sul cancello di un’abitazione, quasi infilzata.

I soccorsi sono arrivati subito sul posto: purtroppo però per il quattordicenne non c’è stato nulla da fare, il ragazzo è morto sul colpo e i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Gli altri giovani sono invece stati soccorsi e trasportati negli ospedali Papa Giovanni XXIII e in quello di Ponte San Pietro.

Tutti i ragazzi coinvolti nell’incidente sono originari della zona. Si indaga intanto sulle cause dell’incidente, nel quale non è rimasta coinvolta nessun’altra vettura: la causa potrebbe essere l’alta velocità, ma le indagini sono ancora in corso.

La notizia della morte di Alessandro, che solo un paio di giorni fa si era iscritto come animatore al C.r.e., ha colpito molto gli abitanti di Bottanuco. La salma è stata composta nella camera mortuaria del cimitero del paese. Il 14enne (avrebbe compiuto i 15 anni a dicembre), che frequentava l’istituto Maironi da Ponte di Presezzo, lascia nel dolore oltre ai genitori anche il fratello Andrea di 23 anni.

Sono stati gli stessi familiari a chiedere al sindaco Pirola di non annullare la Notte Bianca in programma sabato sera, perchè era un evento che Alessandro amava molto: “Rispetteremo quanto ci è stato chiesto – ha spiegato il primo cittadino, che conosce personalmente i genitori – . Stiamo comunque organizzando qualcosa per ricordare il nostro concittadino. Un tragedia di questo tipo ferisce tutti”. Il funerale sarà celebrato venerdì, giorno nel quale è stato proclamato il lutto cittadino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.