BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Ronchi o Rossoni? Dalla torre butto la seconda”: a Treviglio Pd furioso con Molteni

Rispondendo a una domanda di TribunaTv, Erik Molteni ha scelto di buttare idealmente dalla torre Laura Rossoni e di salvare la sua possibile vice Cristina Ronchi: il Pd, che lo sostiene, non avrebbe gradito.

“Chi butteresti dalla torre, Cristina Ronchi o Laura Rossoni?”: la domanda, posta durante un’intervista doppia di TribunaTv ai candidati sindaci di Treviglio che domenica 19 giugno affronteranno il ballottaggio, rischia di far scoppiare il caso diplomatico all’interno della coalizione di centrosinistra.

Se per Juri Imeri non è stato difficile scegliere, con il dito puntato su Cristina Ronchi così come poco prima aveva scelto di buttare “il Giussani della prima epoca” nel confronto con Pezzoni, per Erik Molteni il quesito ha creato qualche imbarazzo: “Me l’aspettavo – ha replicato il candidato di Pd, Molteni Sindaco, Lista Arancio e Treviglio al centro – Cristina è un’amica, condividiamo l’amicizia da 20 anni: direi Rossoni”.

E questa volta sembra che dal Pd, di cui Rossoni è capolista, si sia alzato più di un borbottìo.

Il passo indietro, almeno uno, è d’obbligo: il Partito Democratico pare avesse già storto il naso sulla scelta di Molteni di “eleggere” Ronchi a vicesindaco in caso di vittoria, fatta sulla base delle 295 preferenze incassate al primo turno dalla capolista della civica “Molteni sindaco”. Ma che comunque l’avesse accettata, come lo stesso Molteni aveva confidato, all’unanimità insieme alle altre liste.

Sotto accusa in particolare il background di Cristina Ronchi, liberale, già candidata di Futuro e Libertà e sostenitrice di Simona Bonomelli al fianco di Franco Tentorio a Bergamo durante le amministrative del 2014.

Scelta che senza dubbio permette alla coalizione di andare a pescare voti anche un po’ più al centro nello scacchiere politico ma i malumori, peraltro già palesati a caldo da alcuni componenti del Pd, pare si siano acuiti dopo la risposta di Molteni a TribunaTv, tanto sincera e alla quale non poteva sottrarsi.

Mercoledì 8 giugno, tra l’altro, Molteni e Ronchi erano stati sorpresi a cena con l’assessore regionale di Forza Italia Alessandro Sorte e con gli esponenti azzurri di Treviglio Gianluca Pignatelli e Loris Scaravaggi: un altro elemento che non avrebbe fatto piacere ai “puristi” del Partito Democratico e avrebbe dunque contribuito a riempire quel vaso poi traboccato a causa dell’uscita, considerata infelice, durante la simpatica intervista doppia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marcus242

    Io conosco la Rossoni pur non condividendo un’oncia delle sue posizioni politiche ed è persona equilibrata e onesta. La risposta del candidato sindaco è agghiacciante