BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Procuravano cocaina per un centinaio di clienti: tre fratelli arrestati a Curno

Più informazioni su

All’alba di mercoledì 15 giugno i carabinieri di Bergamo, supportati dal 2° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Orio al Serio, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre tunisini, tutti fratelli, accusati di detenzione e spaccio di stupefacenti.

Spaccio

Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Bergamo su proposta della Procura, ed è scaturito da un’indagine avviata nel mese di gennaio dello scorso anno dalla Stazione Carabinieri di Curno e protrattasi per oltre un anno.

Dalle investigazioni dei militari è emerso che i tre fratelli spacciavano cocaina ad oltre un centinaio di consumatori della provincia, in particolare nei comuni di Mozzo, Bergamo, Ponte San Pietro, Paladina, Valbrembo, Villa d’Almè e Curno.

Le numerose cessioni avvenivano concordando gli incontri telefonicamente utilizzando un linguaggio criptico. Per fare riferimento alla cocaina infatti si usavano i termini “birra” o “pizza”. Gli assuntori inoltre, in qualche caso, come garanzia di pagamento della dose dovevano consegnare agli spacciatori il proprio telefono cellulare o l’autoradio della macchina.

I tre tunisini, A. F. classe 87, A. A. classe 89 e A. M. classe 83, sono ora detenuti presso la Casa Circondariale di Bergamo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.