BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Moto Club Bergamo

Informazione Pubblicitaria

Campionato italiano moto d’epoca, a Brescia e Firenze brilla il giallonero della Norelli

A Rufina, in provincia di Firenze, il giallonero della Norelli ha dominato la terza prova del Campionato Italiano Gruppo 5 riservato alle moto d’epoca da Regolarità. Nella categoria Vaso, la Squadra A composta da Gianluca Passoni (Aim), Paolo Giulietti (KTM) e Giulio Gambarini (Suzuki) ha stracciato i validissimi avversari. Bene anche la Squadra B, che con Paolo Bregalanti (Ancillotti), Gianpiero Findanno (Puch) e Alfredo Bottarelli (Kramer) ha portato a casa un onorevole 5° posto.

Punti preziosi sudati invece nella categoria Trofeo, con le squadre Norelli classificate soltanto 7° e 10°, grazie al grintoso impegno di Alberto Gennaro, Marco Bianchi e Ettore Rivoltella (rispettivamente in sella a Morini, DKW e Jawa), ma anche Valerio Signorelli, Angelo Sfondrini Daniele Di Prima (su Puch e Montesa).

Quarto posto invece per la squadra Under 23 a Gardone Val Trompia, nel Bresciano. La pioggia è caduta copiosa tutta notte, tanto da imporre al direttore di gara di eliminare l’Enduro Test, reso troppo pericoloso dal fondo viscido. Ma le pessime condizioni meteo non hanno fermato la grinta dei giovani Norellisti. Il miglior risultato è appannaggio di Giovanni Bonazzi, tra i Cadetti 1° nella classe Z, con la sua Beta 50 Codice.

Bene nella Cadetti anche Alberto Capoferri (2° su KTM 125), Stefano Ossuzio (7° su Yamaha) e Nicolò Rumi (9° su Yamaha).

Tra gli Junior, nella combattuta classe J1 hanno avuto il loro bel da fare contro agguerriti avversari David Migliorati N’Doua e Riccardo Zappa (15° e 23°); buoni risultati per Mirko Giudici e Matteo Rivoltella, rispettivamente 4° e 9° nella J2. Ottimo 5° nella J3 Leonardo Bolis.

Tra i Senior, un bravo Daniele Armanni ha chiuso ad un soffio dal podio, 4° nella classe S3.

Tre piloti Norelli anche nella classe Ospiti: Mauro e Nicola Agazzi, papà e figlio (12° e 20°), ma anche lo sfortunato – e ritirato – Massimo Milani.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.