BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sorte e Barboni: “Stato di calamità per il Sebino e la Val Cavallina” fotogallery

"Vista la situazione drammatica che si sta delineando nell’area del Sebino, chiederemo al Governo lo Stato di calamità naturale"

“Vista la situazione drammatica che si sta delineando nell’area del Sebino e della Val Cavallina (leggi), chiederemo al Governo lo Stato di emergenza e calamità naturale”. A parlare sono l’assessore a Infrastrutture e Mobilità della Regione Alessandro Sorte e il consigliere regionale Mario Barboni.

“Esondano fiumi, frane e intere zone allagate ed evacuate. La situazione grave sta diventando drammatica. La protezione civile regionale è già all’opera ma se il maltempo proseguirà c’è il rischio di danni gravissimi. Gli amministratori locali lanciano l’allarme e invitano la popolazione a non muoversi e cercare riparo. Occorrono strumenti straordinari per affrontare l’emergenza”.

“Alle 23.15 di martedì 14 giugno, dopo due giornate intense di lavoro, – scrive il consigliere regionale Mario Barboni – non posso mollare gli ormeggi senza prima ringraziare i volontari della Protezione Civile dei paesi della Valle Cavallina che aiutati da molti loro colleghi dei paesi della provincia di Bergamo assieme ai Vigili del Fuoco ai volontari della CRI e alle Forze dell’ordine Carabinieri e Polizia Locale hanno consentito dopo sforzi molto impegnativi di ripristinare situazioni che avvenimenti metereologici violentissimi hanno causato. I danni sono ingenti sia per parte pubblica ( strade, fognature, acquedotti, frane e smottamenti) sia per parti private (allagamenti di parti interrate, garage, cortili, pianterreni ) di case insediamenti produttivi e strutture che si sono trovati nella fascia di scarico del violentissimo temporale di lunedì sera con grandine visibile ancora adesso su alcuni campi alti sopra Berzo San Fermo. I paesi più colpiti Vigano San Martino, Berzo San Fermo, Entratico, Trescore Balneario. Le previsioni prevedevano ulteriori precipitazioni anche nella tarda serata di oggi ma per fortuna per adesso ne siamo rimasti fuori. Grazie ai tantissimi volontari agli amministratori dei paesi colpiti che ieri sino a notte inoltrata ma anche oggi tutto il giorno sono stati nei punti più critici del territorio. Chiederemo lo stato di calamità per questo ma anche per gli altri territori della provincia di Bergamo che sono stati colpiti da questi eventi. La macchina e l’organizzazione della Protezione Civile è stata chiamata non per una esercitazione ma per una applicazione vera sul campo e si è comportata davvero in modo encomiabile. Grazie a tutti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.