BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Costa Volpino, si cerca il 44enne scomparso: nel pollaio del padre un milione di euro

Continuano senza soste le indagini sulla scomparsa di Fabrizio Garatti, il 44enne originario di Costa Volpino scomparso ormai dal 26 maggio scorso: i carabinieri non escludono alcuna ipotesi.

Più informazioni su

Di Fabrizio Garatti, 44enne originario di Costa Volpino e residente a Pisogne, ancora nessuna traccia: l’uomo sembra sparito nel nulla da due settimane e i carabinieri pian piano stanno provando a ricostruire un puzzle per ora difficilissimo.

Il primo ritrovamento era stato quello della jeep, in via Nazionale, all’interno della quale c’erano il suo telefono cellulare ed alcuni effetti personali: fino a qualche giorno fa era quello l’unico indizio a disposizione dei militari dell’Arma che, tra perquisizioni e indagini senza sosta sono poi arrivati alla casa del padre a Costa Volpino.

Una piccola proprietà all’interno della quale trova posto anche un pollaio: qui, occultato sotto il pavimento, i carabinieri hanno trovato denaro contante per quasi un milione di euro, diviso ordinatamente in mazzette.

Da dove vengono quei soldi? In che modo possono essere utili alle indagini? Gli inquirenti per ora non si esprimono e si stringono nel massimo riserbo: nessuna pista però, a parte forse quella del suicidio, è stata finora abbandonata, considerati anche i precedenti del soggetto.

Fabrizio Garatti, infatti, nel 2009 era stato fermato con 40 chili di marijuana nel baule dell’auto: a settembre per quel reato, dopo la condanna confermata in Appello, il 44enne è atteso in Cassazione.

Rimangono in piedi sostanzialmente due piste: la prima è quella dell’allontanamento volontario, la seconda l’omicidio, entrambe inserite e legate in qualche modo al mondo dello spaccio di stupefacenti o a una possibile usura.

Piste alle quali non crede assolutamente la compagna dell’uomo che, ascoltata a lungo dai carabinieri, lo aveva difesa e rivendicato il suo cambio di vita come impiegato.

Dall’analisi delle celle telefoniche e dalle immagini della videosorveglianza della zona, però, per ora non è arrivato alcun elemento utile alle indagini: l’ultimo avvistamento di Fabrizio Garatti continua ad essere quello del 26 maggio scorso, quando si trovò in un bar con il titolare dell’impresa che sta ristrutturando la casa del padre, dove l’uomo aveva intenzione di trasferirsi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.