BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Gli 80 euro da restituire: strumentale dar la colpa a Renzi e al Governo

Sergio Colombini il consulente del lavoro che due anni fa rispose a tutti (centinaia) i quesiti dei lettori di Bergamonews alle prese con l'allora nuovo bonus di 80 euro erogato dal Governo Renzi, interviene sulle polemiche di questi giorni circa la sua restituzione.

Sergio Colombini  il consulente del lavoro che due anni fa rispose a tutti (centinaia) i quesiti dei lettori di Bergamonews alle prese con l’allora nuovo bonus di 80 euro erogato dal Governo Renzi, interviene sulle polemiche di questi giorni circa la sua restituzione.  

In questi giorni c’è chi  grida allo scandalo annunciando le restituzioni del famoso Bonus Renzi da parte di tantissimi lavoratori dipendenti che, almeno apparentemente, si lamentano a ragione….

Posto che certamente questa situazione è molto fastidiosa per chi si trova a dover restituire in tutto o in parte il Bonus degli 80 euro indebitamente ricevuto, va fatta chiarezza, in prim o luogo spiegando che la responsabilità di quanto sta accadendo non è imputabile al Governo e neppure al datore di lavoro.

Questo perché salvo il caso in cui il datore o il suo consulente del lavoro non abbiano attivato alcuna forma di controllo sulla retribuzione annua lorda del lavoratore (cosa che ritengo altamente improbabile visto che tutti i software dovrebbero segnalare lo sforamento e smettendo automaticamente di erogare il Bonus e anzi recuperano quanto indebitamente rogato) la responsabilità di quanto un lavoratore percepisce non può che essere sua.

Ricordo peraltro che al lavoratore già assunto alla data di entrata in vigore del Decreto che ha istituito il Bonus è stato consegnato un modulo sul quale lo stesso dipendente avrebbe dovuto indicare al datore di lavoro il diritto alla percezione o meno del Bonus.

La stessa cosa succede o meglio dovrebbe succedere all’inizio di un nuovo rapporto di lavoro.

Capisco perfettamente che non sia sempre di facile lettura sia la documentazione consegnata in fase di inizio rapporto di lavoro (lettera di assunzione, detrazioni, privacy, destinazione del TFR, in alcuni casi lettera di consegna dei DPI, regolamento aziendale ecc…) ma chiedere all’ufficio del personale è sempre possibile e se non si ottiene risposta dal datore, che è cosa quanto meno deprecabile, ci si può sempre rivolgere a un sindacato o a un consulente del lavoro per avere chiarimenti sulla compilazione della modulistica obbligatoria.

Anche la lettura della propria busta paga non è sempre cosa semplice anche se pure per questa è possibile fare quanto appena scritto per i documenti di assunzione.

Ma se è corretto che un lavoratore che percepisce 1.200 euro netti mensili non si ponga il problema, uno che guadagna ad esempio 1.500 euro per 14 mensilità, il dubbio se lo deve porre e se sa di avere altri redditi, può immaginare che sforerà il primo sbarramento, quello dei 24.000 euro, se non addirittura il tetto dei 26.000 che comporta l’intera perdita del Bonus. Ed è il singolo lavoratore a poter sapere questo, solo lui, non il suo datore di lavoro.

Per non annoiare troppo il lettore mi sento di dire che il can can mediatico che sta montando contro il Governo appare quantomeno strumentale…

Anche se la normativa non è chiarissima per tutti, ci sono state occasioni di spiegazione per mesi dopo l’entrata in vigore del Decreto: anche Bergamonews tenne una rubrica con l’esperto a rispondere ai quesiti: per settimane ne arrivarono decine… certo a questo punto vale il principio che chi non si informa ha sempre torto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco_usubelli

    Renzi prima delle elezioni elargisce 80 euro e poi se riprende sotto forma di tasse ed in più li rivuole indietro,certo voi di bergamonews sentite solo la campana del pd che dice che va sempre tutto bene….ma che lecca che siete

    1. Rosella del Castello
      Scritto da Rosella del Castello

      Noi abbiamo pubblicato un articolo tecnico sulla restituzione degli 80 euro, se lei ha una sua esperienza personale diversa, cioè se lei li ha dovuti restituire per colpa del governo, saremo ben lieti di darle evidenza. In caso contrario lei ha scritto un commento… beh, lo definisca lei