BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Erg, la cucina della Lombardia Orientale debutta ad Astino

Il Sindaco Giorgio Gori: "La gastronomia e la nomina a Regione Gastronomica Europea 2017 possono rappresentare un ulteriore volano di sviluppo di questa conversione turistica, non solo della città di Bergamo, ma di tutta la Lombardia Orientale”.

Era stata definita la serata dei Vip, ma in realtà è stata la serata in cui Bergamo, la Lombardia Orientale della Regione Gastronomica Europea e i cinquant’anni di alta cucina della famiglia Cerea sono stati indiscussi protagonisti.

Perché dei vip annunciati (dal giornale accreditato) non si è presentato nessuno. Chissà poi perché bisognava scomodare Adriano Galliani, Demetrio Albertini, Alfonso Signorini fino a Giorgio Armani (giusto per elencarne alcuni) per celebrare i sapori e i piatti della Lombardia Orientale? Ah, saperlo.

A far da cornice l’ex Monastero di Astino, in abito da sera anch’esso per l’occasione, con le facciate colorate dalle immagini dei piatti e delle bellezze delle province lombarde, e il lancio dell’anno del turismo di Regione Lombardia.

Oltre 500 persone sono accorse ad Astino per la cena dei 20 chef stellati, provenienti da quella che nel 2017 è stata nominata European Region Of Gastronomy. Insieme a loro una cinquantina di giornalisti da tutta Italia e da tutto il mondo, dalla Cina, dagli States, dal Belgio, dall’Inghilterra, dalla Spagna.

Tante le autorità presenti, dal ministro per le Politiche Agricole Maurizio Martina, all’Assessore di Regione Lombardia Parolini, ai sindaci di Bergamo Gori e di Cremona Galimberti.

“Negli ultimi anni Bergamo ha scoperto di avere molte frecce al proprio arco. – ha sottolineato in apertura il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori – Continua ad essere provincia manifatturiera, ma il turismo ha dato qualcosa in più. Abbiamo scoperto che Bergamo può essere molto interessante, soprattutto per i turisti stranieri. E loro stessi diventano ambasciatori della nostra città e della nostra provincia in giro per il mondo. La gastronomia e la nomina a Regione Gastronomica Europea 2017 possono rappresentare un ulteriore volano di sviluppo di questa conversione turistica, non solo della città di Bergamo, ma di tutta la Lombardia Orientale”.

Tra le note di uno Stradivari del 1727 e quelle donizettiane volute dal direttore artistico della Fondazione Donizetti Francesco Micheli, presentatore d’eccezione sul palco al centro del monastero, la serata è scivolata via velocemente, con la pioggia a fare da unica nota stonata di un insieme piacevole e forse anche un po’ glam, con le sorelle Parodi, Cristina e Benedetta, a dispensare sorrisi tra le 20 isole gastronomiche iperstellate.

Da sottolineare il fatto che gli ospiti hanno per una serata lasciato l’auto fuori da Astino: con il parcheggio ancora da realizzare e la pioggia a rendere ancora più complicati gli spostamenti, i quasi 600 ospiti hanno diligentemente ed educatamente raggiunto il monastero in navetta ATB, facendo la fila all’uscita per salire sul pulmino e tornare al parcheggio della Croce Rossa, dove erano state lasciate la maggior parte delle auto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nico

    …ah ah in questo resoconto si intravede un pochino di acidità… comunque albertini e consorte c’erano… cio’ che è mancato è il buon gusto di aver voluto a tutti i costi utilizzare l’ex monastero per questo scopo… ad ogni modo la notiza vera è che con il tempo che c’era ben 600 vip (o presunti tali) son riusciti ad arrivare ad astino senza il parcheggio delle auto di via ripa pasqualina… forse una riflessione andrebbe fatta sia dal comune, che dall’atb che dalla MIA.