BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Controlli della Forestale nel Parco del Serio: 30 cani identificati, espulso uno straniero foto

Proseguono i controlli congiunti di Corpo Forestale, Polizia Locale e ATS Servizio Veterinario: una trentina gli animali identificati, individuato anche uno straniero irregolare, poi espulso.

Più di 30 gli animali da compagnia identificati e controllati nelle aree verdi del “Parco del Serio” durante il servizio congiunto Corpo Forestale dello Stato e delle Polizie Locali consorziate nell’“Unione insieme sul Serio” supportati dal Servizio Veterinario della locale Agenzia di Tutela della Salute.

L’ attività di controllo promossa dal Comando Provinciale CFS Bergamo (che si inserisce in un più generale progetto di sicurezza per parchi ed aree verdi), è finalizzata a prevenire incidenti (attacchi) sia da cani verso i frequentatori dei parchi sia tra gli stessi animali oltre che alla verifica del rispetto di tutte le norme Nazionali/Regionali, in primis l’Ordinanza del Ministero della Salute 6 Agosto 2013 concernente la tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani , della Legge Regionale n.33 30 Dicembre 2009 (Norme tutela animali d’affezione e prevenzione randagismo) e degli specifici Regolamenti Comunali relativamente alla corretta detenzione e gestione degli animali nei luoghi pubblici.

Durante i controlli ai detentori gli animali e fruitori delle aree parco, estesi lungo la pista ciclabile da Albino a Seriate, è emerso, a carico di un cittadino del Marocco, un non ottemperato decreto di Espulsione dal territorio Nazionale.

Lo straniero è stato quindi identificato ed accompagnato in via Noli e messo a disposizione dell’ Ufficio Immigrazione della Questura di Bergamo.

A generica

L’utilizzo della neo istituita pattuglia “velo montata” del Corpo Forestale (tra le cui finalità vi è anche quella di garantire la sicurezza e la corretta fruizione delle piste ciclabili), si è rilevato efficace sia in termini di prevenzione che come supporto operativo e, dagli uffici di Piazzale Libertà, non si esclude che con l’ imminente stagione estiva venga nuovamente utilizzata anche in altre piste ciclabili o zone parco.

Il fatto che non siano stati rilevati illeciti (rende noto il Comando Provinciale CFS) in riferimento alla gestione-detenzione degli animali, è segnale di un diffuso senso civico e della legalità oltre che dell’efficacia preventiva degli specifici Regolamenti Comunali e dell’ attività di costante monitoraggio del Servizio Veterinario della locale Agenzia Tutela della Salute.

I fenomeni di “cani pericolosi” lasciati liberi o, peggio ancora, di aggressioni a cittadini o ad altri animali, segnalati anche ultimamente agli uffici del Corpo Forestale (con derivati specifici accertamenti in corso) hanno, pur nella loro gravità, una cadenza sporadica e bassa diffusione; è da escludersi quindi qualsiasi forma di “allarme sociale”.

Tutte le segnalazioni pervenute sono comunque al vaglio per strutturare le prossime attività di controllo in altre zone della provincia e della città di Bergamo.

Il proprietario di un cane è sempre responsabile del benessere, del controllo e della conduzione dell’animale e risponde, sia civilmente che penalmente, dei danni o lesioni a persone, animali o cose provocati dall’animale stesso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.