BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Campagna del ministro Martina per il latte fresco: Parodi e Cracco tra i testimonial video

Il ministro bergamasco Maurizio Martina ha lanciato la campagna a favore del latte fresco e del suo consumo con quattro testimonial d'eccezione: Cristina Parodi, Giorgio Calabrese, Carlo Cracco e Demetrio Albertini.

Una campagna istituzionale, promossa dal Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, per promuovere il latte fresco e il suo consumo, evitando gli sprechi: è quella lanciata nella giornata di giovedì 26 maggio dal ministro bergamasco Maurizio Martina tramite la propria pagina facebook ufficiale.

Parodi

Una campagna che ha quattro testimonial d’eccezione: Cristina Parodi, presentatrice tv e moglie del sindaco di Bergamo Giorgio Gori, Demetrio Albertini, dirigente sportivo ed ex calciatore tra le altre di Milan e Atalanta, Giorgio Calabrese, medico nutrizionista, e Carlo Cracco, chef stellato.

Appaiono tutti nel video promozionale dell’iniziativa, accompagnata dallo slogan “E’ sempre l’ora del latte fresco”.

“Scegliere la qualità del latte fresco per i consumatori vuol dire riconoscere l’impegno e la passione di chi lavora nella filiera e nelle nostre stalle innanzitutto – ha scritto il ministro Martina -. Ma vuol dire anche riscoprire le fondamentali proprietà nutritive di questo alimento per la nostra salute. Per questo abbiamo voluto fortemente una campagna capace di sostenere i consumi di questo prodotto che fa parte della nostra tradizione alimentare. Anche così possiamo aiutare gli allevatori italiani in questo momento difficile. Bere latte fresco, oggi, assume un significato ancora più importante. Postate la vostra foto con il latte fresco con l’hashtag ‪#‎oradellatte‬”.

La campagna di comunicazione integrata si inserisce nel più ampio piano di azioni strategiche messe a punto dal Mipaaf, in collaborazione anche con le organizzazioni agricole, le cooperative, l’industria e la grande distribuzione organizzata, a sostegno del comparto lattiero caseario in una fase delicata come quella determinata dalla fine del regime europeo delle quote latte.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.