BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Parcheggio ospedale, Rossi: “Prolunghiamo la convenzione solo se si abbassano le tariffe”

Dopo la lunga serie di articoli sul parcheggio dell’ospedale, Bergamonews intervista il presidente della Provincia Matteo Rossi.

L’ente di via Tasso nell’accordo di programma per la realizzazione del nuovo ospedale si era impegnato a costruire il parcheggio.

La società Bhp lo ha costruito e lo gestisce tutt’ora, la stessa società che oggi chiede una proroga della convenzione per la gestione di altri dieci anni.

Ha conferma che Bhp è interamente di proprietà del Gruppo Percassi? E da quando?
“Si, confermo l’acquisito delle quote da parte di Cogestil Srl (società del Gruppo Percassi). Il tutto si è svolto in ossequio all’art. 33.4 del contratto di concessione che nel rispetto di quanto previsto dall’art. 156 del D.Lgs. 163/2006 prevede che la Provincia come ente concedente per poter assentire al trasferimento delle quote al soggetto subentrante deve solamente accertarsi che questi sia in possesso dei requisiti richiesti dal disciplinare di gara e dalla lettera di invito, circostanza che il RUP ha verificato con note dell’8 gennaio e del 15 aprile. La Provincia si auspica che il possesso del 99% delle quote della società BHP Spa, attuale concessionario del parcheggio, in capo al socio Cogestil S.r.l. agevoli i e favorisca il dialogo durante la gestione della concessione che in precedenza era spesso legato ai diversi rapporti di forza tra i tre soci e che ora con di fatto un unico socio di riferimento, che ben conosce i problemi dei bergamaschi, sia possibile affrontare e risolvere i problemi”.

Come risponde alla richiesta di Bhp di avere una proroga di altri 10 anni per la gestione del – parcheggio dell’ospedale?
“Se n’è cominciato a parlare nell’incontro di oggi, aggiornato al 15 giugno. Da un lato abbiamo registrato una novità che potrebbe essere positiva, perché la società per la prima volta torna a valutare il prolungamento della concessione senza chiedere altre risorse pubbliche, dall’altro la nostra posizione politica è chiara: si può ragionare della fattibilità di una deroga alla concessione trentennale solo di fronte ad una seria e concreta proposta che abbassi le tariffe, con particolare attenzione all’aumento del periodo di franchigia, alla tariffa massima giornaliera, a quella notturna e quella per le lunghe degenze. C’è una questione di responsabilità alla quale spero nessuno si sottragga. Gli utenti del Papa Giovanni devono venire prima di tutto il resto”.

Ha mai avuto la possibilità di leggere tutte le convenzioni tra Bhp e la Provincia sottoscritte dai suoi predecessori? Non trova che si è già concesso molto e più del dovuto?
“Mi sono letto e ho studiato tutto quanto e ho partecipato personalmente ad ogni incontro degli ultimi due anni. Mi sono convinto che non avrei mai sottoscritto né quel tipo di convenzione né gli aumenti tariffari degli anni successivi. Il compito della Provincia non avrebbe dovuto essere quello di realizzare un parcheggio, ma di studiare una viabilità migliore attorno al nuovo ospedale. Purtroppo le cose sono andate diversamente e ora siamo qui a fare i conti con questo problema”.

Ha mai utilizzato il parcheggio dell’ospedale? Come lo trova?
“Sì, l’ho utilizzato e credo che ci possano essere molte migliorie sia dal punto di vista delle modalità di pagamento sia rispetto all’accesso, oltre che rispetto alle tariffe, ovviamente. L’assessore comunale Stefano Zenoni sta operando bene per migliorare ciò di sua competenza, e noi stiamo lavorando con l’assessore Sorte affinché nel medio periodo all’Ospedale si possa arrivare anche in treno. E’ questo il senso dell’iniziativa che ha portato risorse per la fermata all’interno di una strategia che prevede il raddoppio della ferrovia Ponte-Montello”.

Bergamonews, raccogliendo le moltissime sollecitazioni dei lettori, ha avviato un reportage denunciando tutto ciò che non va al parcheggio dell’ospedale. Ha avuto modo di leggerle? Come risponde o commenta?
“Le ho lette e mi sono speso fin dove possibile per dare certezze ad alcune categorie di utenti, penso ai volontari del Papa Giovanni, agli operatori delle Onlus, ai lavoratori delle pulizie che senza l’intervento nostro e dei sindacati si sarebbero trovati a vedersi mangiata dal costo del parcheggio buona parte della loro paga oraria che notoriamente è già abbastanza bassa”.

Come Presidente della Provincia si sente più vicino ai familiari e ai pazienti che devono andare in ospedale o una società che ha fini economici su un servizio essenziale per raggiungere l’ospedale?
“Il Presidente della Provincia lavora ogni giorno per la propria comunità, in particolare per chi ha di meno e per chi vive una situazione di disagio che non può essere aggravata da altri costi e da altre difficoltà. E’ per questo che da due anni chiedo che la Regione, titolare delle funzioni e delle risorse in materia sanitaria, subentri alla Provincia nel contratto con la Bhp. Quella rimane la strada maestra per risolvere il problema. Sono andato a rivedermi tutte le nostre richieste: 14 ottobre 2014, 27 novembre 2014, 4 marzo 2015, 30 marzo 2015, 10 aprile 2015, 19 maggio 2015. Per ben sei volte la segreteria tecnica del collegio di vigilanza dell’accordo di programma si è conclusa con un nulla di fatto. Continuano a dire che prenderanno in considerazione la cosa dopo il referendum costituzionale di ottobre, ma i disagi dei cittadini non possono aspettare i tempi della politica, hanno bisogno di risposte subito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Satana

    Il parcheggio dovrebbe essere gratuito, già ripagatosi in questi anni che è a pagamento e foraggiato anche dal raddoppio del costo finale dell’ospedale rispetto al preventivo…

  2. Scritto da Patrizio

    La vostra posizione politica è chiara: si può ragionare della fattibilità di una deroga alla concessione trentennale solo di fronte ad una seria e concreta proposta che abbassi le tariffe.
    Non è un regalo alla Bhp?
    Il problema che in vari orari i parcheggi sono pieni?

  3. Scritto da nico

    …curioso che non abbia fatto menzione del “nuovo” parcheggio che poteva già essere progettato e probilmente appaltato se non ci fosse stato un qualche inghippo ben noto in provincia… comunque nessuno MAI che dica quanto è costato il parcheggio e quanto guadagna il gestore annualmente (oltre ad aver pure preso soldi quando era chiuso…): se è vero che il sig.rossi (e/o la società BHP) legge bgnews può rispondere nei commenti!