BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Mail dalla Procura, ma è una truffa, non aprite

Nella mattinata di giovedì 26 maggio, a Bergamo e provincia sono iniziate a circolare strane mail che hanno come mittente la Procura della Repubblica. E che, nell'oggetto della lettera, annunciano arresti mettendo in allarme, come è naturale, chi riceve queste mail.

Nella mattinata di giovedì 26 maggio, a Bergamo e provincia sono iniziate a circolare strane mail che hanno come mittente la Procura della Repubblica. E che, nell’oggetto della lettera, annunciano arresti mettendo in allarme, come è naturale, chi riceve queste mail.

Si tratta di una truffa via mail e la lettera non deve essere aperta.

Probabile che con questa modalità subdola si vogliano carpire dati sensibili dei malcapitati cittadini.

A un possibile tentativo di frode sembra quindi aggiungersi l’utilizzo di una dicitura istituzionale, rendendo la vicenda particolarmente grave e spinosa.

In queste ore, sia negli uffici giudiziari di Bergamo che presso la polizia postale sono in corso accertamenti.

Si raccomanda estrema prudenza nell’aprire e-mail provenienti da mittenti sconosciuti e si invita a segnalare agli organi preposti qualsiasi corrispondenza sospetta

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.