BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Liberate Bossetti, è innocente”: i suoi fan lo scrivono anche a Obama fotogallery video

Alcuni sostenitori del carpentiere di Mapello, a processo come unico imputato per il brutale delitto di Yara Gambirasio, hanno lasciato diversi commenti in inglese sulla pagina Facebook del presidente degli Stati Uniti

La mobilitazione dei “fan” di Massimo Bossetti arriva fino in America. Alcuni sostenitori del carpentiere di Mapello, a processo come unico imputato per il brutale delitto di Yara Gambirasio, hanno lasciato diversi commenti sulla pagina Facebook del presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

“Bossetti è innocente. Non c’entra nulla con l’omicidio di Yara. Deve essere liberato”. Questo il tono dei commenti che diversi italiani hanno scritto in inglese sotto ad alcuni post pubblicati sul profilo ufficiale di Obama, che vanta 50milioni di fan. Ecco uno dei commenti:

Non è la prima mobilitazione a favore di Bossetti. A gennaio era partita una raccolta firme dal titolo “Dissequestrate Massimo”. Una petizione on line ideata da Cristina Gibi, una 40enne milanese, per chiedere al ministro della giustizia Andrea Orlando la scarcerazione del carpentiere 45enne rinchiuso dal 16 giugno del 2014 per il delitto di Yara.
Un’iniziativa lanciata in rete a inizio anno e che a oggi ha raggiunto 355 firme, da parte di bergamaschi e non solo.

“Petizione per consentire a Massimo Bossetti l’assegnazione ai domiciliari, a casa propria con braccialetto elettronico, al posto del carcere – si legge nel testo dell’iniziativa – ! Si chiede al ministro di giustizia onorevole Andrea Orlando di verificare perché la Corte ha disatteso la legge in vigore sulla carcerazione preventiva!”.

Nel frattempo il processo sul delitto della ragazzina si avvicina alla conclusione. Dopo le arringhe del pubblico ministero Letizia Ruggeri e delle parti civili, tra cui gli avvocati della famiglia di Yara, Enrico Pelillo e Andrea Pezzotta, nella prossima udienza di venerdì 27 maggio parleranno proprio gli avvocati del carpentiere, Claudio Salvagni e Paolo Camporini. A seguire, dopo le dichiarazioni finali di Bossetti, entro metà giugno è prevista la sentenza della Corte d’Assise presieduta dal giudice Antonella Bertoja.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberto_spadoni

    Sono da condannare anche i fan del pedofilo e assassino. Poi, non non prendiamo ordini dall’America né dalla Merkel. Ciascuno, per quel che mi riguarda, comanda a casa sua.
    Di sicuro io personalmente non prendo ordini da loro. E loro devono anche stare attenti a quel che dico e a quel che fanno.

  2. Scritto da Lorenzo Schirru

    A dir poco assurdo e vergognoso leggere certi commenti sulla pagina Facebook di bergamonews, la gente davvero nn ha capito lo scopo della nostra azione che certo non è quello di ottenere una risposta o una soluzione da Obama o qualsiasi altro presidente, lo scopo è FAR CONOSCERE quanto di ingiusto e VERGOGNOSO questa procura sta attuando nei confronti di un INNOCENTE!
    #BOSSETTIOSTAGGIODISTATO.

    1. Scritto da gibi_cristina

      Prendo le distanze da questa iniziativa…non dico altro.