BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Seminario, il Vescovo e la rosa di nomi per il nuovo rettore

Sulla scelta del nuovo rettore del seminario vescovile si sarebbe aperto un dibattito all'interno del consiglio presbiterale, il senato del Vescovo. Intanto ecco alcuni dei nomi finiti nella rosa sottoposti a monsignor Beschi.

Aveva chiesto una indicazione ai docenti del Seminario per districarsi nella scelta del nuovo rettore. Il Vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi si troverebbe di fronte invece, oltre che una rosa di nomi, anche un dibattito che è scaturito all’interno del consiglio presbiterale (che equivale un po’ al Senato del Vescovo).

Il dibattito riguarderebbe i titoli che dovrebbe possedere un rettore del seminario: un titolo di studio universitario o accademico teologico, come è richiesto per i vescovi. Una nota che di fatto esautorerebbe il candidato sul quale pare che monsignor Beschi avesse posato lo sguardo: don Santino Nicoli, attuale parroco di Nembro, 63 anni, con un’esperienza – seppur breve – come direttore spirituale in Seminario tra il 1983 e il 1984, lunghi anni di missione in Bolivia e un’esperienza pastorale in terra bergamasca come vicario parrocchiale in Sant’Anna a Bergamo (nove anni) e poi a Nembro.

Un altro profilo che è stato sottoposto al Vescovo per la sua lunga esperienza come pastore e come vicedirettore ed economo del seminario è don Mauro Arizzi, 56 anni, parroco di Stezzano.

Sulla possibilità che il prescelto abbia invece anche titoli accademici o universitari si sarebbe proposta la candidatura di don Angelo Domenghini, 58 anni, attuale parroco di Grumello del Monte. E’ membro del Consiglio Presbiterale Diocesano e del Consiglio Pastorale Diocesano, assistente diocesano del MEIC (Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale): è laureato in filosofia, ha conseguito la licenza di teologia.

Insomma, nomi e profili di tutto rispetto. Ora toccherà a monsignor Beschi scegliere e dare una chiara indicazione sul futuro del seminario di Bergamo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.