BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Zone omogenee della Provincia, primo confronto tra i coordinatori

Nel pomeriggio di venerdì 20 maggio, nella sede della Provincia di Bergamo, si è riunito per la prima volta il Tavolo dei coordinatori delle Zone omogenee.

Nel pomeriggio di venerdì 20 maggio, nella sede della Provincia di Bergamo, si è riunito per la prima volta il Tavolo dei coordinatori delle Zone omogenee. 

Matteo Rossi

I coordinatori, che hanno il compito di presiedere l’Assemblea dei sindaci di ciascuna zona, sono stati individuati nelle figure del sindaco del Comune con maggior popolazione legale, oppure dal presidente della Comunità montana o dell’Associazione dei Comuni laddove il territorio della zona omogenea coincida in toto o in modo prevalente con la Comunità montana o Associazione dei Comuni.

A questa riunione ne seguirà tra pochi giorni un’altra di carattere più tecnico: il segretario generale della provincia Antonio Sebastiano Purcaro ha infatti convocato, per la prossima settimana, una riunione tra i direttori o segretari generali degli enti coordinatori delle Zone omogenee.

All’ordine del giorno la condivisione delle linee guida per il funzionamento e l’organizzazione delle undici Assemblee dei sindaci, che eserciteranno funzioni culsultive propositive nei confronti dell’ente di area vasta, ma anche una serie di temi sui quali il territorio è da subito chiamato a esprimersi, e rispetto ai quali il presidente Matteo Rossi ha chiesto di individuare un rappresentante per ciascuna Zona omogenea in modo da lavorare insieme: il trasporto pubblico locale, attraverso la partecipazione alla conferenza dei servizi per la stesura del nuovo Piano di bacino territoriale (era presente anche il direttore dell’Agenzia per il trasporto pubblico locale Emilio Grassi), l’offerta formativa e il rapporto scuola lavoro, la pianificazione territoriale, dal momento che via Tasso ha avviato la revisione del Piano territoriale di coordinamento provinciale.

Si è parlato anche della Stazione unica appaltante, per la quale la Provincia ha mosso i primi passi proprio nei giorni scorsi con una lettera ai Comuni, e di Ufficio Europa, che in pochi mesi di attività già ricevuto circa 70 richieste di supporto.

Infine al Tavolo è stato presentato il progetto “Osservatorio del territorio”, strumento a sostegno delle amministrazioni locali per la raccolta e l’analisi di dati e informazioni strategiche a supporto della programmazione, dei processi decisionali, dell’allocazione delle risorse e della progettazione e sperimentazione di buone pratiche in tema di innovazione e sviluppo del territorio. L’osservatorio è un servizio pensato per rispondere alla nuova funzione fondamentale che la legge Delrio assegna alle Province quale “Casa dei comuni”, relativa alla “raccolta ed elaborazione di dati e assistenza tecnico-amministrativa agli enti locali” (articolo 1 comma 85 lettera d).

Elenco dei Coordinatori delle zone omogenee

  • il sindaco di Bergamo Giorgio Gori per la zona 1 – Area urbana di Bergamo
  • il presidente della Comunità montana dei Laghi bergamaschi Alessandro Bigoniper la zona 2 – Laghi bergamaschi
  • il presidente della Comunità montana Valle Seriana Alberto Bigoni per la zona 3 – Valle Seriana
  • il presidente della Comunità montana di Scalve Alberto Mazzoleni per la zona 4 – Val di Scalve
  • il presidente della Comunità montana Valle Brembana Alberto Mazzoleni per la zona 5 – Valle Brembana
  • il presidente della Comunità montana Valle Imagna Roberto Facchinetti per la zona 6 – Valle Imagna
  • il presidente della Comunità dell’Isola bergamasca Maria Grazia Dadda per la zona 7 – Isola Bergamasca
  • il sindaco di Dalmine Lorella Alessio per la zona 8 – Hinterland Sud
  • il sindaco di Romano di Lombardia Sebastian Nicoli per la zona 9 – Pianura est
  • il commissario della città di Treviglio Alfredo Nappi per la zona 10 – Pianora Ovest
  • il sindaco di Seriate Cristian Vezzoli per la zona 11 – Seriate – Grumellese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.