BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scontri dopo Atalanta-Inter, 10 ultrà a processo: rinviato al 21 giugno fotogallery video

Ha preso il via martedì 17 maggio ed è stato subito rimandato il processo con rito abbreviato a nove (il decimo procederà con rito ordinario) degli ultrà arrestati sabato 16 gennaio

Ha preso il via martedì 17 maggio ed è stato subito rimandato il processo con rito abbreviato a nove (il decimo procederà con rito ordinario) degli ultrà arrestati sabato 16 gennaio a Bergamo durante gli scontri con la polizia al termine di Atalanta-Inter.

Il giudice, a causa di alcuni problemi con le notifiche agli indagati, ha infatti rinviato la discussione tra le parti al prossimo 21 giugno.

Gli ultrà a processo con l’abbreviato sono: G.P., maggiorenne solo dallo scorso ottobre, nato a Seriate, domiciliato a Pietra Ligure (Savona), G.B., 22 anni, nato e residente a Crema; G.D., 24 anni, nato a Calcinate e residente a Villongo; D.B., 26 anni, nato a Bergamo e residente ad Almenno San Salvatore; E.M., 35 anni nato ad Alzano Lombardo e residente a Nembro; F.P., 25 anni, nato a Palermo e residente a Lodi. Oltre a F.G., 23 anni, nato e residente a Francoforte, in Germania, un supporter dell’Eintracht, squadra tedesca la cui tifoseria è gemellata con quella della Curva Nord.

Uno dei dieci fermati M.C., 26 anni, nato a Bergamo e residente a Ranica, ha invece deciso di procedere con rito ordinario. Erano stati arrestati la sera stessa dei fatti: nel frattempo sono stati tutti rilasciati e sottoposti all’obbligo di firma.

Sono tutti accusati di violenza, resistenza, lesioni e danneggiamenti. Devono rispondere anche di violazione di Daspo L.T., 26 anni nato a Bergamo e residente a Petosino  e A.C. nato a Bergamo e residente a Ranica, colpiti dal provvedimento di divieto di accesso agli stadi per una torcia acceso in Curva Nord.

In ogni caso la misura scatterà per tutti e dieci gli arrestati, con divieti che vanno dai 5 agli 8 anni per i due già daspati.

I disordini erano esplosi un’ora dopo il termine della partita del Comunale, intorno alle 17.45, quando il corteo di bus con tifosi interisti e camionette della polizia ha raggiunto l’incrocio tra via Maj e via Taramelli. E’ lì che da una strada laterale sono spuntati una quarantina di ultrà atalantini, incappucciati e con indosso i passamontagna, oltre che armati di bastoni, sassi e bombe carta.

Dopo una serie di cariche e un lungo inseguimento per le vie del centro città, dieci di loro furono fermati, oltre a sette agenti feriti che si costituiranno parte offesa al processo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.