BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Pignatelli: “Piazza Setti il più grande vespasiano d’Italia, se vinco fermo i lavori”

Gianluca Pignatelli enuncia quelle che saranno le prime dieci azioni del suo governo e sottoscrive il contratto con i trevigliesi.

Più informazioni su

Gianluca Pignatelli enuncia quelle che saranno le prime dieci azioni del suo governo e sottoscrive il contratto con i trevigliesi. Dieci provvedimenti che, ha spiegato l’aspirante sindaco, dovranno essere attuati nel corso dei primi cento giorni del suo eventuale mandato.

Durante il corso della breve conferenza stampa, il candidato ha presentato, uno via l’altro, i dieci punti in cui venivano elencate alcune proposte su temi quali la sicurezza, il commercio oltre che l’introduzione di importanti agevolazioni per le coppie con figli a carico e per chi ha intenzione di ristrutturare casa.

Ultimi nell’elenco ma, di fatto, veri e propri cavalli di battaglia della coalizione formata da “Prima Treviglio”, “Pignatelli Sindaco” e “Forza Italia – Nuova Prospettiva”, i punti in cui viene espressa la ferma volontà di quella che sarà l’amministrazione Pignatelli di rinunciare alla vendita dell’ex Foro Boario e di sospendere al più presto i lavori di piazza Setti (considerata dallo stesso candidato come “il più grande vespasiano d’Italia”), con il relativo pagamento della penale dall’entità di circa 300mila euro. A questi, si aggiunge l’intenzione di mettere mano al Pgt di Treviglio così da rimuovere le aree dedicate all’interporto, un’opera, secondo Pignatelli, fortemente voluta dal Carroccio per cui “chi vota Lega vota l’interporto”.

Poi, la proposta di ampliare quello che è l’attuale servizio navette, istituito per sopperire alla mancanza del parcheggio centrale di piazza Setti, in modo da essere utilizzato, nelle fasce serali di venerdì e sabato, dai giovani per raggiungere i luoghi del divertimento senza quindi l’uso di automobili o motorini.

“Quello delle navette – ha dichiarato Pignatelli – rappresenta un servizio costosissimo e, attualmente, privo di utilità. In questo modo, i giovani potranno divertirsi senza correre rischi. L’iniziativa, che merita di essere perfezionata e rivalutata, rappresenta un progetto importante sia per la qualità che per la tutela della vita, e potrà essere esteso, mediante accordi, anche alle realtà vicine”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.