BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalmine, preso il rapinatore: rintracciato grazie al cellulare dimenticato in banca foto

E' finita prestissimo la fuga del rapinatore che attorno alle 12.30 di lunedì aveva rubato 2.500 euro all'Ubi Banca Popolare di Bergamo di Dalmine: l'uomo nella fretta si è dimenticato di riprendere il cellulare depositato correttamente in una cassetta di sicurezza.

Più informazioni su

Che fosse una rapina improvvisata i carabinieri lo avevano sospettato sin dall’inizio: ma di certo non si aspettavano che il rapinatore, fuggito a piedi dopo il colpo alla filiale Ubi Banca Popolare di Bergamo di via Buttaro a Dalmine, nella concitazione del momento si potesse dimenticare il proprio cellulare in una cassetta di sicurezza dell’istituto di credito.

E’ così che i militari dell’Arma sono risaliti al malvivente, Valentino Ribezzi, 43enne pregiudicato in regime di arresti domiciliari a Brembate nei cui confronti si procederà, oltre che per rapina, anche per evasione: l’uomo poco dopo le 12.30 di lunedì 16 maggio si era introdotto in banca armato di taglierino e a volto scoperto, minacciando un cassiere e fuggendo con circa 2.500 euro in contanti.

Una fuga a piedi durata pochissimo tra le strade del centro di Dalmine perchè i carabinieri durante i rilievi hanno rinvenuto il cellulare dell’uomo, lasciato come da procedura corretta in una delle cassette di sicurezza che si trovano all’ingresso: l’invito che la banca fa ai suoi clienti, infatti, è quello di depositare oggetti metallici e grossi mazzi di chiavi.

A quel punto non c’è stato nemmeno bisogno di andare a rilevare l’impronta digitale che l’uomo inevitabilmente ha lasciato sulla porta di ingresso della filiale: la fretta nell’abbandonare il luogo del crimine gli ha giocato un brutto scherzo.

A Generica

L’uomo era già stato fermato dai carabinieri due settimane fa, accusato di essere il responsabile di numerose rapine a istituti di credito di Milano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    e che succederà adesso??nulla,verrà processato,riscarcerato e ricomincerà dall’inizio a rapinare banhce