BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Attenzione alle gomme: scattano anche in Lombardia i controlli della Polizia

Giovedì 12 maggio a Roma la Polizia Stradale e il direttore di Assogomma Fabio Bertolotti hanno presentato la tredicesima edizione di “Vacanze Sicure”, l’iniziativa congiunta volta a verificare lo stato delle coperture delle nostre auto che prevede circa 10mila controlli su strada.

Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia (in Lombardia i controlli hanno avuto inizio venerdì 13 maggio), Toscana, Veneto e Sicilia saranno sotto la lente dal 15 maggio al 20 giugno 2016. Il servizio Polizia Stradale quest’anno concentrerà in queste regioni la consueta indagine annuale sullo stato degli pneumatici.

A rotazione, da tredici anni a questa parte, gli agenti della Polizia Stradale dedicano alcune giornate al controllo specifico delle gomme e alla sensibilizzazione degli automobilisti sull’importanza che le stesse hanno ai fini della sicurezza stradale. Pochi automobilisti prestano attenzione sul fatto che la nostra sicurezza in auto poggia letteralmente su una superficie pari a quattro palmi di una mano. I mezzi controllati non saranno però solo le vetture, ma anche i veicoli per il trasporto leggero fino a 35 quintali, i caravan (roulotte) ed i carrelli appendice, che spesso presentano criticità specifiche, come ad esempio il sovraccarico.

Con un parco auto sempre più vecchio, il 50% ha più di 10 anni, e gli incidenti stradali che aumentano (fonte Aci), la manutenzione dell’auto assume un ruolo fondamentale per la sicurezza stradale. Dal 2003 ad oggi sono stati effettuati dalla Polizia Stradale ben oltre 130.000 controlli specifici sui pneumatici ed i relativi risultati hanno evidenziato non conformità di diversa natura complessivamente pari al 15%, percentuale che supera il 20% se si considera anche la mancanza della revisione del veicolo: un fenomeno purtroppo diffuso omogeneamente su tutto il territorio nazionale.

“Vacanze Sicure” è uno dei più duraturi sodalizi che vedono coinvolti il Ministero dell’Interno, i produttori di pneumatici aderenti ad Assogomma, ed i rivenditori aderenti a Federpneus. Proprio grazie alle indagini approfondite sullo stato del parco circolante, realizzate dalla Polizia Stradale in questi tredici anni di collaborazione, sono emersi i fenomeni più preoccupanti legati allo stato delle nostre gomme.

A partire dalla forte presenza di gomme non omologate, di pneumatici lisci o danneggiati, per arrivare in tempi molto recenti ad individuare una percentuale elevata di gomme invernali a Taranto durante i mesi estivi: un fenomeno quest’ultimo che ha portato all’individuazione di un preoccupante e fiorente mercato del pneumatico usato importato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    La sicurezza si perde prima con la velocità.
    Se un battistrada ha 1 o 2 mm a 50 km orari la frenata cambia di poco, quando si va a 100 km orari cambia di molto soprattutto se non ci sono le distanze di sicurezza. Di solito non ci sono nemmeno in autostrada.

  2. Scritto da locatelli_pietro

    OK! ……..ma se oltre a tanti numeri di statistica che interessano fino a un certo punto, si dicesse anche qualche dato circa i requisiti di sicurezza minimi del battistrada si farebbe un servizio più utile di sicuro!