BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Alzano, il programma di Moretti: sicurezza, lavoro e stop ai bisogni dei cani in strada

La Lista Moretti presenta il proprio programma che vede come piorità la sicurezza, il lavoro, la riqualificazione dell'arredo urbano e più decoro, soprattutto in relazione alle deiezioni canine.

La Lista Loretta Moretti comincia ad esporre le sue idee per il futuro di Alzano Lombardo e fissa le priorità del proprio programma elettorale: sicurezza, lavoro, riqualificazione dell’arredo urbano e attenzione alla quotidianità.

E sono questi due ultimi punti, in particolare, ad essere approfonditi inizialmente, con grande attenzione per un problema molto sentito in paese, quello delle deiezioni canine che non consentono il mantenimento del giusto decoro e della pulizia del centro abitato.

“Per venire incontro ai proprietari di cani – spiegano – i quali ad Alzano hanno pochi spazi per correre in libertà, ed arginare il problema delle deiezioni canine proponiamo:

Creare un’area cani in cui essi possano essere lasciati liberi di correre che potranno essere presidiate da educatori cinofili che si metteranno a disposizione dei cittadini per assisterli nella corretta gestione e socializzazione del proprio cane. Pensiamo di creare zone di questo tipo partendo dall’area verde del Serio, a parco Montecchio, in zona Grumasone e ad Alzano Sopra;

– Nelle zone più frequentate da chi porta a spasso il cane, saranno affissi dei cartelli nei quali si ricorda l’obbligo di raccogliere le deiezioni e l’eventuale sanzione in caso di inosservanza;

– Saranno effettuati dei controlli mirati perché siano rispettate le regole;

– Verranno installati nel paese dei distributori di sacchetti e nuovi cestini per rifiuti.

Con questi progetti vogliamo sensibilizzare i cittadini e insieme collaborare per rendere Alzano un paese più pulito”.

Vogliamo farci carico sia dei grandi progetti che delle piccole cose di ogni giorno – spiega il candidato sindaco Loretta Moretti -. Il rifacimento dei Centri Storici a livello urbanistico non può che andare di pari passo a un rilancio commerciale e maggiore decoro e pulizia. Altrimenti potremmo dare vita alla migliore riqualificazione ma sarebbe inutile”.

La lista punta anche su Piazza Italia, tema sensibile negli ultimi due anni: “Per noi è il centro vitale e pulsante del paese. Forniremo quindi la piazza di adeguati spazi per i pedoni, toglieremo i paletti, inseriremo spazi per le biciclette e panchine. Introdurremo anche del verde con aiuole verso via Mazzini e alberi. Allo stesso tempo inseriremo qualche parcheggio per la sosta veloce (15 minuti) a margine della piazza e restringendo la strada. Individueremo gli spazi da destinare per eventuali dehors, il tutto garantendo la sicurezza per tutti i fruitori della piazza. Ogni soluzione andrà condivisa preventivamente con i commercianti e residenti”.

Anche sui centri storici le idee sono ben chiare: “Al contrario della Lega Nord che vuole aprire in modo indiscriminato, via Fantoni per noi rimarrà con limitazioni al traffico veicolare nei giorni festivi. Riqualificheremo però allo stesso tempo il manto stradale, anche in zona San Pietro, oggi pieno di buche e dissesti, in modo tale da dare visibilità alle vetrine dei negozianti che potranno formare così un grande mercato all’aperto. Non saranno dimenticati i marciapiedi in via Mazzini e in altre zone di Alzano Maggiore ora in condizioni inaccettabili. A Nese e ad Alzano Sopra non pensiamo solo a una riqualificazione del manto e dell’arredo ma a un rilancio complessivo del commercio tramite iniziative come formazione e defiscalizzazione per riportare il centro a vivere. Sarà completata infine la riqualificazione del borgo antico di Olera, migliorando in particolare l’accessibilità a persone disabili e anziane, nonché la manutenzione viaria di Monte di Nese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.