BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sul filo di lana”, golf e sci in prima linea per i bambini terminali

Il Club 41 Bergamo che per il pomeriggio di sabato 14 maggio organizzano "sul filo di lana” sul green del Golf Club L’Albenza ad Almenno San Bartolomeo.

C’è sempre una seconda vita, magari parallela, per fare del bene. E’ così anche per i soci del Club 41 Bergamo che per il pomeriggio di sabato 14 maggio organizzano “sul filo di lana” sul green del Golf Club L’Albenza ad Almenno San Bartolomeo. Un’iniziativa realizzata in collaborazione con la prestigiosa azienda di articoli sportivi e abbigliamento Colmar.

Sarà l’occasione per presentare come i campioni di Alpen Eagles operano per un service a favore di bimbi terminali, una bella causa che il Club 41 intende supportare concretamente. All’appuntamento di sabato saranno presenti il vincitore della Coppa del Mondo di sci Andreas Wenzel, l’oro olimpico Piero Gros e lo slalomista azzurro Paolo De Chiesa.

Si brinderà all’iniziativa in un cocktail nella club house del Golf. Dress code informale, un ritrovo pieds sur l’herbe fra amici appassionati di golf e sci per condividere le motivazioni profonde di un nobile progetto. L’invito è esteso a tutti gli amici e supporter interessati, con presenza delle istituzioni locali rappresentate dagli assessori Elena Carnevali e Niccolò Carretta, quest’ultimo golfista che partecipa alla due giorni dell’Albenza. E’ atteso anche il Sindaco Giorgio Gori, compatibilmente con un concomitante impegno istituzionale.

“Quello di sabato all’Albenza è un incontro fra amici che vogliono diventare ancora più amici sotto la bandiera di una iniziativa lodevole e entusiasmante come e più delle competizioni sciistiche – spiega Federico Fiecconi, presidente di Club 41 Bergamo -. Il motto del nostro Club è “possano le catene dell’amicizia non arrugginire mai”. Il club 41 Bergamo 36 nasce un anno e mezzo fa e io sono al secondo mandato come Presidente di un gruppo davvero affiatato di amici che si trovano una volta al mese con spirito di pura convivialità. Ora abbiamo deciso di promuovere verso tutto il Club nazionale l’adozione di una causa degna di attenzione: quella del sostegno a bimbi terminali e alle loro famiglie. Tutto nasce da un mio incontro con il campionissimo Andreas Wenzel due anni fa alla Coppa Colmar. E ora eccoci qui a presentare la sua associazione benefica insieme a Colmar, distinguendosi per il supporto alle cause pure dello sport non poteva che riconoscere anche la purezza e bontà di questa missione.

club 41

Insomma dalle parti delle prealpi orobiche soffia il venticello dell’adozione di un service. Si ripartirà dai bambini, da bravi ex membri di Round Table Italia, club da cui originiamo e da cui per statuto siamo usciti a 40 anni. Come da tradizione di Tabler, mi piace pensare che possiamo agire nel quotidiano pensando a star bene noi, ma con un occhio di riguardo per far godere del nostro benessere anche quanti ci circondano meno fortunati. L’idea è di iniziare proprio adottando la misione dell’“Alpen Eagles Charity Golf Club”, che raccoglie fondi a favore di strutture hospice dedicate alle cure palliative verso bambini.

club 41

Una causa nobile condotta sui campi da golf da Aquile delle Alpi come il vicepresidente dell’associazione Marc Girardelli, e con lui Hansi Hinterseer, Roland Collombin, Pirmin Zurbriggen, Franz Klammer, Paolo De Chiesa e Piero Gros, questi ultimi presenti sul green bergamasco a supportare il progetto di Wenzel e compagni. Gente da medaglie d’oro sulle piste da sci e oggi da medaglia di platino nella vita! La loro attività e notorietà va a beneficio di strutture che assistono bambini terminali e supportano le loro famiglie nei difficili momenti correlati alle ultime cure. Una missione di incredibile sensibilità che, quando ho conosciuto due anni fa Wenzel, mi ha colpito profondamente: mi sono detto: “Convergenza perfetta! Lavorare per i bambini è un imprinting che ci è naturale dai tempi di Round Table, sono le nostre radici! La Carta dell’infanzia, il Telefono Azzurro… la nobile tradizione di service a favore dell’infanzia per la quale la Round Table si è fatta una reputazione nel mondo. Questa causa non può che trovarci presenti!”. All’Albenza daremo la parola anche al dott. Silvano Manzoni de La casa del sole, per sensibilizzarci e informarci ancora meglio sul tema e sperando di poter portare proprio a questa ONLUS un domani il frutto delle nostre azioni”.

13141137_10207693114178735_428873287_n

A ritrovarsi sul green del Golf Club Albenza saranno i soci del Club 41 impegnati da tempo in iniziative benefiche: Francesco Albanese, Giacomo Asti, Massimo Baldi, Giorgio Berta, Marco Bertarelli, Pierpaolo Bonfirraro, Andrea Boreatti, Alessandro Cainelli, Filippo Calarco, Dario Carpani, Filippo Cavalli, Alberto Ciambella, Mario Comana, Emanuele Cortesi, Federico Della Volta, Andrea Denti, Stefano Felli, Gigi Ferrara, Giorgio Locatelli, Marco Locatelli, Maurizio Maffeis, Paolo Milani, Carlo Federico Gnecchi, Giorgio Pandini, Giovanni Pedrali, Jacopo Riva, Pierluca Rizzi, Giovanni Rota, Paolo Sanguettola, Guido Stoppani, Michele Taddei, Michele Melacarne e Adriano Melgari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.