BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Svolta sull’omicidio del 29enne a Treviglio: sequestrata a una giovane l’arma del delitto

I Carabinieri hanno accertato che l’arma utilizzata per il delitto è la stessa sequestrata il 23 dicembre scorso a una giovane prostituta rumena 22enne, D.P., domiciliata a Dalmine.

Come in un puzzle i Carabinieri di Bergamo stanno rimettendo insieme i pezzi dell’omicidio di Arben Vorfi, il 29enne albanese ucciso a colpi di pistola nel suo appartamento di via Compagnoni 1 a Treviglio, al confine con Castel Rozzone, lo scorso 17 novembre.

I Carabinieri hanno accertato che l’arma utilizzata per il delitto è la stessa sequestrata il 23 dicembre scorso a una giovane prostituta rumena 22enne, D.P., domiciliata a Dalmine.

Gli accertamenti balistici condotti dai carabinieri del RIS di Parma hanno consentito di stabilire che la pistola a tamburo cal. 38 – con matricola abrasa – rinvenuta

nella borsetta della donna coincide con quella utilizzata per l’omicidio di Arben Vorfi.

La donna è l’ex fidanzata di Valentin Frrokaj, pluripregiudicato albanese deceduto lo scorso novembre a Lucino di Rodano nel corso un tentativo di rapina nell’abitazione di un commerciante di gioielli. All’epoca dei fatti, il Frrokaj, già condannato per omicidio, risultava latitante a seguito della “spettacolare” evasione dal carcere “Pagliarelli” di Palermo, avvenuta il 7 maggio 2014, allorquando aveva conquistato la libertà calandosi dalla cella con un lenzuolo.

La giovane, nel frattempo tornata a piede libero, è stata nuovamente arrestata nel corso di una successiva perquisizione domiciliare poiché sorpresa in possesso di un’altra pistola con matricola abrasa, sulla quale sono tuttora in corso accertamenti balistici per stabilire se è stata utilizzata in altri episodi delittuosi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.