BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Fim Cisl incontra la scuola: “Ascoltare i ragazzi sul futuro”

Incontri con gli istituti di Bergamo, Dalmine e Sarnico. Al via una ricerca per disegnare gli orizzonti del mondo giovanile.

“Tutti parlano di giovani, pochi però parlano con loro”. Nasce un po’ da questo assunto l’idea di fare una ricerca per capire, nei fatti e direttamente dagli interessati, cosa i giovani studenti pensino del mondo del lavoro e del sindacato; quali siano le loro aspettative, i loro bisogni, le loro rappresentazioni e le loro paure e cosa il Sindacato possa fare per dare prospettiva al loro futuro.

“Favorire l’incontro tra scuola e lavoro è l’obiettivo di chiunque abbia a cuore il futuro dei giovani, soprattutto in una fase storico-economica come questa, nella quale le prospettive si fanno di giorno in giorno sempre più nebulose – afferma Andrea Donegà, Coordinatore Nazionale dei Giovani Metalmeccanici della Fim Cisl e operatore Fim Cisl di Bergamo -. Riteniamo questo approccio fondamentale per gettare le basi di progetti concreti di alternanza scuola-lavoro, una partita in cui la Cisl e la Fim credono molto e nella quale vogliono giocare un ruolo da protagonisti in mezzo ai giovani. Questo è uno dei modi per avvicinarci a loro, capirne l’approccio, le aspettative e cercare di darne la giusta rappresentanza in un mondo del lavoro che sta cambiando velocemente”.

Il Gruppo Giovani della Fim di Bergamo è da sempre molto attento alle tematiche legate al difficile rapporto tra studenti, giovani, mondo del lavoro e sindacato. Sin dai prossimi giorni, in collaborazione con la Cisl Scuola e l’agenzia di formazione e ricerca Alilò Futuro Anteriore, varcheranno i portoni di alcune scuole della provincia per ascoltare quanto i ragazzi sanno di sindacato e lavoro, come vedono il futuro, come lo scelgono, cosa si aspettano.

Le prime saranno l’Itis di Dalmine, il “Belotti” di Colognola e l’Istituto Riva di Sarnico: circa 400 ragazzi tra i 17 e i 18 anni.

“La Fim da sempre considera strategico il ruolo della scuola nella costruzione di una società migliore – dice Donegà-. Per questo riteniamo una grossa opportunità quella di incontrare i ragazzi che si stanno per affacciare al mondo del lavoro. Oltre a essere un momento importante di educazione civica, è anche il momento per far conoscere il ruolo fondamentale che il Sindacato svolge nella quotidianità. Il Sindacato ha bisogno di avvicinarsi ai giovani, di parlare un linguaggio nuovo e di raccogliere i loro bisogni dandone la giusta rappresentanza. Vogliamo impegnarci insieme ai tanti giovani per costruire maggiori opportunità per tutti e per contribuire a realizzare un paese migliore e più giusto”.

Al termine degli incontri che i sindacalisti avranno con i ragazzi verrà distribuito un questionario che faccia emergere le aspettative che i ragazzi hanno del proprio futuro sulle quali elaborare strategie sindacali e indicazioni utili e spendibili anche in ottica di progetti concreti nel campo dell’alternanza “scuola – lavoro”: “ripartire dai giovani significa rinnovarsi e dare continuità e spinta alle migliori tradizioni e a una storia gloriosa con nuove ventate di entusiasmo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.