BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La lista Molteni sulla stazione: “Orari cadenzati e percorso ciclopedonale”

L'istituzione di un cadenzamento orario su tutte le linee, indicazioni per il centro cittadino e luoghi di interesse turistico, l'installazione di un totem per indicare degli orari dei pullman e un percorso che permetta di raggiungere in sicurezza le due stazioni per coloro che viaggiano in bici e i pedoni.

La stazione Centrale di Treviglio? Un problema unico da spacchettare e da risolvere livello per livello. La debolezza del comparto informativo al di fuori della stazione Centrale, la necessità di riorganizzare e potenziare, laddove possibile, l’efficienza dei treni e la mancanza di percorsi sicuri per raggiungere le stazioni sono le problematiche per cui alcuni dei componenti della lista “Molteni Sindaco” sono al lavoro alla ricerca delle soluzioni.

A rendere note le perplessità sull’efficienza dei convogli ci ha pensato per primo Piero Toti, a rappresentanza del comitato dei pendolari del bacino di Treviglio. “Siamo nati nel 2009 come comitato di proposta e non di protesta – ha iniziato Toti – . Pensando, quindi, all’offerta globale ed estesa, senza presentare alle istituzioni locali e regionali solo lamentele. A noi interessa porgere quesiti per la risoluzione delle varie tematiche analizzando, linea per linea, le diverse disfunzioni e carenze. Non chiediamo altri treni, ma chiediamo di utilizzare al meglio i convogli già circolanti. Il nostro progetto riguarda dunque l’istituzione di un cadenzamento orario su tutte le linee come la Milano-Treviglio, la Treviglio-Brescia, la Treviglio-Cremona e la Treviglio-Bergamo e, di conseguenza, anche la Milano-Bergamo che ci consente di sopperire ad alcune ‘mancanze’ verso Milano. Il nostro è un comitato con una volontà precisa di proporre, possibilmente partendo da costi zero o da costi contenuti”.

Poi, è stato il turno del candidato Giuseppe Didu, il quale ha esposto le problematiche al di fuori dei binari, dichiarando: “Per coloro che arrivano a Treviglio da Milano non ci sono indicazioni né per il centro cittadino né per quanto riguarda il luoghi di interesse turistico. Sarebbe anche necessaria l’installazione di un totem per l’indicazione degli orari dei pullman. Inoltre, ai trevigliesi andrebbe interamente lasciato il vicino parcheggio del Turro, con anche la conta dei posti disponibili. Infine, la bicistazione, che conta circa 300 posti, non è indicata e, per sicurezza, andrebbe chiusa”.

Un assist per Patrizio Dolcini, il quale ha subito lanciato la proposta di dare in gestione, mediante l’istituzione di un bando, le due bicistazioni (compresa, quindi, quella della stazione Ovest): “In questo modo, garantendo anche la loro apertura fino a tarda notte, – ha spiegato Dolcini – potrebbero essere ad esse connessi dei servizi che consentirebbero, quindi, anche degli introiti”. Poi, l’idea di istituire un “Bici-plan”, “ossia – ha proseguito – di alcuni percorsi che permettano di raggiungere in sicurezza le due stazioni per coloro che viaggiano in bici ed anche per i pedoni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.