BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Canonica d’Adda, commercianti in rivolta contro i parcheggi a pagamento in centro foto

Le strisce blu scontentano soprattutto i commercianti: secondo loro, l'introduzione della sosta a pagamento comporterebbe una sensibile diminuzione della clientela e dunque del giro di affari. Nel weekend è partita una raccolta firme che ha trovato il consenso di circa 500 persone.

Polemica a Canonica d’Adda dove l’amministrazione comunale ha deciso di introdurre la sosta a pagamento in Piazza del Municipio e via Lodi.

Le strisce blu scontentano soprattutto i commercianti: secondo loro, l’introduzione del parcheggio a pagamento comporterebbe una sensibile diminuzione della clientela e dunque del giro d’affari. Lavorando molto ‘sul passaggio’, gli esercenti temono che il provvedimento possa rallentare il frequente ricambio degli acquirenti.

Nella zona della Piazza del Comune e via Lodi sono infatti presenti molte delle attività commerciali del paese: una panetteria, una cartoleria, il fruttivendolo, una pizzeria d’asporto, una banca, la posta, oltre all’asilo nido e le scuole.

“La nostra contrarietà nasce dalla mancata valutazione dell’impatto che provocherà questa scelta sia in termini di viabilità, sia di ricaduta negativa sugli introiti per gran parte dei negozi del centro”, afferma Pietro Cereda, capogruppo della lista civica ‘Uniti per Unire’ di Canonica d’Adda.

Dal canto suo, il Comune sostiene l’esatto opposto. Ovvero che “lo scopo dell’intervento è quello di incentivare l’uso di veicoli alternativi e non inquinanti come auto e scooter elettrici o ibridi; e favorire il ricambio veicolare in un’area congestionata da soste prolungate diminuendo il caos viabilistico nei pressi delle scuole”, come aveva commentato il sindaco Gianmaria Cerea al momento della delibera dello scorso 11 aprile.

Nel frattempo, dalle parole si è passati ai fatti: sabato 7 e domenica 8 maggio la lista d’opposizione ha dato il via a una raccolta firme che nel weekend ha trovato il consenso di circa 500 persone tra residenti, non residenti e, ovviamente, commercianti sul piede di guerra.

A generica

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.