BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Studenti bergamaschi in Sicilia per ricordare Peppino Impastato

C'erano anche alcuni studenti bergamaschi a Cinisi, in provincia di Palermo, per ricordare Peppino Impastato, il militante di Lotta continua ucciso il 9 maggio 1978

C’erano anche alcuni studenti bergamaschi a Cinisi, in provincia di Palermo, per ricordare Peppino Impastato, il militante di Lotta continua ucciso il 9 maggio 1978, su ordine del boss Tano Badalamenti per aver irriso Cosa nostra dai microfoni di Radio Aut.

Oltre trecento gli studenti arrivati in Sicilia grazie al progetto di educazione alla legalità “Sulle orme dei veri eroi” partito l’anno scorso dal liceo di Scienze umane “Fabrizio De André” di Brescia, che hanno preso parte al corteo e alle altre attività di lunedì 9 maggio, a 38 anni dal delitto di mafia. Presente anche il fratello di Impastato.

I ragazzi, oltre che da Bergamo, vengono da diverse scuole e zone di Italia: Gallarate (Varese), Salò (Brescia), Rosarno (Reggio Calabria), Desenzano del Garda (Brescia), Lamezia Terme (Catanzaro), Sarezzo (Brescia), Palermo.

Le iniziative sono partite dal casolare dove l’attivista fu massacrato; un presidio di protesta per chiedere l’esproprio del fabbricato il cui iter è fermo da due anni.

Su uno striscione appeso sul balcone di Casa memoria a Cinisi si legge poi “Verità per Giulio Regeni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.