BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Via Maironi allagata, 25enne vuole passare e aggredisce poliziotto: condannato

Protagonista un giovane di Verdello, che nella tarda serata di giovedì 5 maggio ha colpito al volto e alla spalla con un casco il vice Commissario Delfino Magliano

La via allagata ma lui vuole passare comunque, per questo aggredisce un vigile. Protagonista un 25enne residente a Verdello, che nella tarda serata di giovedì 5 maggio ha colpito al volto e alla spalla con un casco il vice Commissario Delfino Magliano, mentre era al lavoro con altri colleghi per fermare il traffico in Valverde, dove l’esplosione di una tubatura ha generato un fiume d’acqua che ha sconnesso l’asfalto della via.

Alle ore 23 un giovane, T.Z., ha imboccato nel tratto di strada in cui era interdetta la circolazione. Gli ufficiali della Polizia Locale presenti lo hanno dapprima invitato a uscire dall’area, ancora pericolosa dopo ciò che era avvenuto nel tardo pomeriggio, e lo hanno poi accompagnato verso le transenne che delimitavano la chiusura della strada.

La reazione del 25enne è stata violenta: ha colpito al volto con un casco integrale per ben due volte il viceCommissario Magliano. Nonostante la resistenza del giovane, i tre agenti sono riusciti a bloccarlo e ad accompagnarlo al Comando di via Coghetti, dove è stato identificato e arrestato.

Venerdì mattina è stato processato per direttissima, con l’accusa di lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale: è stato condannato a 5 mesi con la condizionale.

Magliano è stato trasportato al pronto soccorso dell’Humanitas Gavazzeni e sottoposto a una serie di esami: per lui la diagnosi è di trauma cranico e probabile infrazione dell’omero, guaribile in una quindicina di giorni.

“Vorrei esprimere tutta la mia vicinanza – ha commentato il ViceSindaco e Assessore alla sicurezza Sergio Gandi – nei confronti del viceCommissario Magliano, al quale vanno la mia gratitudine per l’impegno con il quale svolge quotidianamente il suo lavoro e i miei auguri di una pronta guarigione.

Vorrei sottolineare anche come il lavoro delle squadre di emergenza e dei tecnici dei lavori pubblici abbia consentito di limitare il più possibile i danni derivanti dall’esplosione di una tubatura ieri in via Maironi da Ponte: un intervento che ha evitato conseguenze peggiori in una situazione non facile.

In particolare voglio sottolineare lo spirito di servizio e l’abnegazione dimostrati dagli agenti di Polizia Locale e della Protezione Civile.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.