BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Non fa religione a scuola, ragazzina costretta a saltare la gita al museo di Urgnano

Il caso è scoppiato all’istituto comprensivo Fabrizio De André di Peschiera Borromeo, alle porte di Milano

Più informazioni su

Costretta a saltare la gita scolastica perchè non frequenta religione. Il caso è scoppiato all’istituto comprensivo Fabrizio De André di Peschiera Borromeo, alle porte di Milano, dove una ragazzina di 11 anni è scoppiata in lacrime quando ha realizzato che i suoi compagni di classe sarebbero andati al villaggio africano della Basella di Urgnano per imparare la storia missionaria in Kenya e in Tanzania, mentre lei non avrebbe potuto partecipare al viaggio didattico.

La decisione della direzione scolastica ha mandato le mamme e i papà su tutte le furie che si sono rivolti al preside: “I nostri figli si sentono esclusi e penalizzati”.

Nella classe finita sotto accusa ci sono due ragazzini che non si avvalgono dell’Irc, l’insegnamento della religione cattolica. Nel giorno in cui è programmata la gita i due alunni resteranno in classe, da soli.

Tutti gli altri invece andranno a incontrare i missionari passionisti nel convento della Basella di Urgnano e parteciperanno a laboratori e incontri sulle popolazioni subsahariane.

Nella lettera firmata da dodici famiglie, anche di altre classi che potrebbero trovarsi nella medesima posizione, si sottolinea il ruolo inclusivo che la scuola dovrebbe avere e si chiede all’istituto di evitare uscite che precludano la partecipazione di qualcuno.

“È un tema molto delicato e interessante – ha detto la preside della scuola, Marina De Marco – perché da un lato dobbiamo rispettare la libertà di non frequentare l’ora di religione, dall’altro dobbiamo fare lo stesso con il lavoro di questi insegnanti: quell’uscita è stata preparata a lezione, fa parte del programma che la professoressa ha svolto in classe, non è una gita di svago: vanno a parlare con missionari cattolici e le loro famiglie hanno fatto una scelta all’inizio dell’anno su questo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    gente a cui non importa la fede cattolica,per quale motivo dovrebbe interessare la vita missionaria in africa,atta a portare la parola cattolica alle popolazioni locali?