BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Torna la dote scuola, 70mila euro in tre anni per libri scolastici

Per le famiglie numerose, il progetto è sostenuto dai fondi di Fondazione MIA, Azzanelli Cedrelli e Istituti Educativi

Più informazioni su

Contributi in arrivo a Bergamo per le famiglie numerose in città per aiutarle a sostenere le spese che queste devono sostenere per l’acquisto di libri scolastici. Ritorna la Dote scuola comunale, un progetto avviato dall’Amministrazione lo scorso anno e confermato per il secondo anno consecutivo: vedrà il Comune (in collaborazione con tre Fondazioni bergamasche: la Fondazione della Misericordia Maggiore, la Fondazione Azzanelli Cedrelli e la Fondazione Istituti Educativi) mettere a disposizione delle famiglie fino a 70.000 euro per i prossimi tre anni.

Il contributo è diretto a famiglie residenti a Bergamo con 3 o più figli in età scolare frequentanti le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado con un ISEE inferiore a € 23.000,00. Il contributo è finalizzato all’acquisto dei libri di testo per gli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado (non è previsto per le scuole primarie in quanto la spesa dei libri è già totalmente a carico del Comune). La previsione è di € 100,00 a beneficio degli iscritti alle classi prime delle scuole secondarie di primo e secondo grado, € 150,00 per gli iscritti alle classi terze delle scuole secondarie di secondo grado e € 50,00 per tutte le altre classi.

Lo scorso anno beneficiarono della dote scuola comunale circa 350 studenti a Bergamo. «Il progetto – spiega l’assessore all’Istruzione Loredana Poli – è rivolto nello specifico al sostegno economico per l’acquisto dei soli libri di testo. Si tratterà di un sostegno diretto all’acquisto dei libri e seguirà la stessa modalità pratica che è stata già applicata per i bambini della scuola primaria: le famiglie andranno nelle librerie, si presenteranno con il nome del figlio a cui spetta la dote e lì l’addetto potrà vedere direttamente nel sistema informatizzato quanto spetta a ogni singolo studente».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.