BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sedrina, l’asilo diventa statale: servizio salvo, risparmio di 300 euro per le famiglie

Alla fine della scorsa settimana il sindaco Stefano Micheli ha ricevuto la comunicazione della completa statalizzazione delle due sezioni della scuola dell'infanzia Peter Pan: “Così oltre a garantire il servizio possiamo anche far risparmiare le famiglie”.

Una buona notizia per gli abitanti di Sedrina e, probabilmente, anche per tutti quelli dei paesi limitrofi: la scuola dell’infanzia “Peter Pan” ha ottenuto la completa statalizzazione delle proprie due sezioni, ultimo tassello di un percorso di salvataggio iniziato all’insediamento della Giunta Micheli nella primavera del 2014.

Il sindaco Stefano Micheli, appena eletto, si era infatti subito trovato tra le mani la grana della scuola dell’infanzia, la cui esistenza era stata messa in dubbio da una situazione di bilancio tutt’altro che in ordine: la Corte dei Conti, non considerandola un servizio essenziale, aveva impedito al Comune di compartecipare alla retta e l’asilo era a forte rischio chiusura.

Per l’importanza che, invece, riveste per i cittadini di Sedrina l’amministrazione comunale si era subito mossa con il provveditorato, inoltrando immediatamente una prima richiesta di statalizzazione motivata con l’alto numero di famiglie e di bambini iscritti ogni anno che si sarebbero dovuti rivolgere altrove.

Richieste considerate legittime e che avevano portato ad una statalizzazione parziale, forse il primo caso in provincia di Bergamo: al mattino gestione affidata allo Stato, al pomeriggio in carico ad una cooperativa del territorio scelta tramite appalto comunale.

“Un primo passo che aveva comportato un impegno economicamente inferiore da parte dell’ente perchè dovevamo gestire solo la parte pomeridiana – commenta il sindaco Micheli – I genitori, però, erano comunque obbligati a sborsare una retta”.

All’inizio del 2016, però, data la possibilità di poter completare la statalizzazione, l’assessore alla Cultura Cinzia Mangili insieme all’assessore al Bilancio Alessandro Gotti ed il supporto di tutta l’amministrazione hanno portato avanti un’ulteriore richiesta avanzata con il supporto del dirigente Ambrosi.

Venerdì 29 aprile il Comune ha avuto la conferma e dal prossimo anno scolastico potrà contare sulla completa statalizzazione delle due sezioni della scuola dell’infanzia: “Siamo molto contenti che ci sia stata concessa questa opportunità – spiega Micheli – Potremo così alleggerire il peso della retta di circa 300 euro per ogni famiglia e garantire l’esistenza di un servizio che già senza il primo intervento avrebbe rischiato di chiudere almeno per un anno. Visto il vantaggio economico ci aspettiamo che a Sedrina arrivino molti più bambini anche da fuori i confini comunali. Questa è stata la prima sfida e la più urgente che ci siamo trovati ad affrontare come amministrazione ed è un sollievo averla vinta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.