BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Arcene, Anpi contro la lapide fascista: “Fuori legge, le istituzioni vigilino”

L'Anpi prende posizione contro la lapide cementata nella notte tra lunedì 2 e martedì 3 maggio davanti al cimitero di Arcene

L’Anpi prende posizione contro la lapide cementata nella notte tra lunedì 2 e martedì 3 maggio davanti al cimitero di Arcene, per ricordare i fascisti trevigliesi fucilati proprio di fronte al campo santo.

“Qui trovarono la morte sei uomini colpevoli d’aver amato l’Italia: Giuseppe Stefanini, Aldo Castagneri, Stefano Possenti, Filippo Pezzotta, Giovanni Manenti e Paccagnella assassinati il 3 maggio 1945. Nel ricordo risorgeremo. Manipolo d’avanguardia Bergamo”. Questa la scritta sulla targa, che dopo poche ore è stata subito rimossa dopo l’intervento dell’amministrazione comunale.

Fascisti ad Arcene

Un gesto rivendicato dai sette del M.A.B. (Manipolo d’avanguardia, con una loro foto e un comunicato in cui annunciavano “Siamo stati noi, denunciateci”.

L’associazione nazionale partigiani italiani commenta così la vicenda:

Apprendiamo con rammarico e preoccupazione la notizia della comparsa di una lapide posta fuori dal cimitero di Arcene nella notte tra il 2 e il 3 maggio scorso da un gruppo di fascisti per ricordare l’uccisione di militi fascisti nel 1945.

Ci uniamo alle parole espresse dal Sindaco di Arcene, Giuseppe Foresti, che, dopo la rimozione della lapide, ribadisce l’adesione sentita dell’Amministrazione Comunale di Arcene «ai valori espressi nella nostra Costituzione, nata dalla Resistenza».

Fascisti ad Arcene

Esprimiamo la nostra ferma condanna nei confronti di un atto vile: la pietà verso i morti non va confusa con la memoria delle scelte di chi combatteva da una parte
piuttosto che da un’altra. Non dobbiamo e non possiamo confondere chi combatteva al servizio dei tedeschi per una tirannia brutale e totalitaria con chi combatteva per la libertà, la dignità e la democrazia del nostro Paese.

Riteniamo che lo Stato italiano debba diventare uno stato compiutamente antifascista. In questo senso lo sforzo dell’A.N.P.I. deve essere incessante nel chiedere l’applicazione fattiva degli strumenti legislativi che il nostro ordinamento si è dato per evitare rigurgiti neofascisti (legge Scelba, legge Mancino).

La rivendicazione della posa della lapide di Arcene apparsa su Bergamonews a firma di M.A.B. Manipolo d’avanguardia è inaccettabile, oltraggiosa, oltreché delirante e dimostra con quanta sfacciataggine i fascisti di oggi escano allo scoperto, consci del fatto di rimanere impuniti per le nefandezze che propagandano.

Per lo Stato italiano sono fuori legge, ma nessuna istituzione fa rispettare ciò. Per questo, nel ribadire la nostra piena solidarietà alla comunità di Arcene e al Sindaco Giuseppe Foresti, attaccato vergognosamente nella rivendicazione, chiediamo che tutte le istituzioni vigilino e lavorino per prevenire atti di manifesta apologia di fascismo, ovvero ciò che rappresenta un reato per la
nostra Repubblica, nata dalla Resistenza antifascista e partigiana.

Per il Comitato Provinciale A.N.P.I. di Bergamo,
Il Presidente Provinciale,
Mauro Magistrati

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tasslehoff Burrfoot

    Provo immensa vergogna per i nostri conterranei che si sono resi protagonisti di questa assurda commemorazione.
    Il fatto che Bergamo non sia stata nemmeno lontanamente insignita di alcuna onoreficenza per la Resistenza la dice lunga su quanto sia strisciante l’ideologia fascista e nazionalista nella nostra provincia, e questo nonostante tutte le persone che si sono sacrificate per liberarci da quell’incubo, anche a costo della vita.