BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mazzanti-Ortolani l’hanno rifatto: dopo Foppa e Casalmaggiore scudetto anche con Conegliano

Sì, l’hanno rifatto: Davide Mazzanti e Serena Ortolani sono di nuovo campioni d’Italia, per la terza volta.

Il primo trionfo di Davide e Serena è stato nel 2011, a Bergamo, quando non erano ancora una coppia, ma solo allenatore e giocatrice. Lei con la maglia della Foppa aveva già vinto uno scudetto, nel 2006, e aveva collezionato anche una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana e tre Champions League. Lui, invece, aveva vinto la Coppa Italia da allenatore in seconda, sempre sotto le Mura venete, ma era alla prima stagione da titolare in panchina.

Da coach di Bergamo Mazzanti ha dimostrato subito le sue enormi qualità vincendo subito uno scudetto. Poi, dopo una breve parentesi sulla panchina di Piacenza e dopo l’esperienza con le nazionali giovanili, è approdato a Casalmaggiore, dove ha ritrovato quella Ortolani che nel frattempo era diventata anche la madre di sua figlia.

Nella cittadina in provincia di Cremona è avvenuto un vero e proprio miracolo, perché nessuno avrebbe scommesso sul tricolore di quella squadra dalle maglie rosa che militava in A1 da due sole stagioni. Invece è successo: la Pomì ha battuto la temibilissima Igor Gorgonzola Novara in finale e ha alzato il trofeo. E Davide e Serena erano lì a festeggiare, di nuovo insieme dopo quattro anni.

Ora il loro bacio davanti al trofeo che rappresenta il titolo di campione d’Italia rischia di diventare una (per loro piacevole) abitudine, visto che quest’anno, pur cambiando città, ce l’hanno fatta di nuovo e anche questa è una prima volta per la società in cui la coppia d’oro del volley ha messo piede.

Un anno fa, dopo il trionfo con Casalmaggiore, la coppia d’oro ha scelto di cambiare aria. Ma a Conegliano sembra che Mazzanti e Ortolani vogliano mettere radici: nella prossima stagione, infatti, hanno scelto di dare l’assalto a qualcosa di più prezioso come la Champions League. Ancora insieme, ovviamente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.