BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Via 20 vincoli di bilancio agli enti locali, proposta di legge di Misiani

Presentata lunedì 2 maggio a Palazzo Frizzoni una proposta di Legge per eliminare 20 vincoli di bilancio agli Enti locali promossa dall'onorevole Antonio Misiani. “Comune Semplice può avere lo stesso impatto del superamento del Patto di Stabilità”.

Una proposta di legge per eliminare 20 vincoli di bilancio degli Enti locali e mantenere unicamente quello dell’equilibrio: si chiama “Comune Semplice” ed è stata presentata lunedì 2 maggio a Palazzo Frizzoni a Bergamo dall’onorevole Antonio Misiani, alla presenza del Sindaco di Bergamo Giorgio Gori, del viceSindaco Sergio Gandi, del Sindaco di Monza e presidente di Anci Lombardia Roberto Scanagatti, dell’onorevole Elena Carnevali (uno dei firmatari del provvedimento).

La proposta è stata sottoscritta da 45 parlamentari e l’obiettivo della legge – semplificare drasticamente vincoli e adempimenti per gli enti locali – è stato raccolto dalla risoluzione sul Documento di Economia e Finanza approvata dal Parlamento la scorsa settimana.

“L’obiettivo della proposta – sottolinea l’onorevole Antonio Misiani – è semplificare la vita agli Amministratori locali, oberati da una molteplicità di vincoli che finiscono per complicare e rallentare l’azione dei Comuni. La Costituzione garantisce autonomia di entrata e di spesa: questo principio va concretamente riaffermato. L’equilibrio di bilancio deve essere l’unico vincolo a carico degli enti locali, tutto il resto va drasticamente semplificato. Per questo motivo chiediamo l’eliminazione di 20 norme che ingabbiano l’autonomia amministrativa dei Comuni, raccogliendo una serie di proposte pervenute dal Comune di Bergamo e da ANCI Lombardia”.

Allo stato attuale un Comune non deve rispettare solo l’equilibrio di bilancio, ma deve ottemperare anche a obiettivi di spesa sul personale, sulla formazione, sulle locazioni passive, piuttosto che sulle spese di stampa e sponsorizzazione.

Per esempio, programmare un corso di aggiornamento del personale per nuovi servizi che un Comune decide di fornire ai cittadini può diventare impossibile in ragione del limite di spesa imposto dalla legge nazionale.

“Se queste norme verranno approvate dal Parlamento – prosegue Misiani – gli Amministratori locali recupereranno la possibilità di decidere come e dove spendere le proprie risorse (sempre nel rispetto del pareggio di bilancio), a beneficio delle comunità da loro governate. Lavoreremo perché queste proposte vengano recepite nei prossimi provvedimenti riguardanti gli enti locali”.

“L’importanza della proposta Comune Semplice, qualora venisse approvata, può essere paragonabile a quella del superamento del Patto di Stabilità per gli enti locali – commenta Giorgio Gori, Sindaco di Bergamo –. Fino ad oggi tutti questi vincoli hanno rappresentato un ostacolo non solo per l’efficientamento della macchina amministrativa dei Comuni, ma hanno anche impedito la sostituzione del personale andato in pensione o che ha lascia l’ente, con i conseguenti disagi per i cittadini e per l’erogazione di servizi fondamentali”.

 

“Questa proposta di Legge è la giusta sintesi delle richieste e delle sollecitazioni raccolte da Anci e tradotte in un approccio fattibile. Una legge che taglia vincoli inutili ai Comuni, ridà la giusta responsabilità agli amministratori locali che devono stringere un patto con i propri cittadini ed è in parallelo tra ciò che si decide a Roma e ciò che hanno bisogno chi amministra il territorio” commenta l’onorevole Elena Carnevali.

 

2016-05-02 #ComuneSemplice DEF-3

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.