BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Arriva il farmaco contro il tumore al polmone e al rene: per ora solo a pagamento

Ha finito la sperimentazione e ha persino ricevuto il parere favorevole della Commissione europea: il Nivolumab è pronto per essere usato per curare i malati di cancro al polmone e al rene.

Adesso, per il farmaco inizia la trafila per la registrazione presso l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e il successivo acquisto a carico del servizio sanitario nazionale, ma nel frattempo il medicinale sarà disponibile solo a pagamento in forma privata. Gli oncologi hanno espresso preoccupazione per i tempi e perché non ci sono analoghi farmaci di questa classe, stimolanti del sistema immunitario, in quanto non ancora in commercio con questa indicazione. Un altro farmaco che potrebbe essere registrato per questo utilizzo è il pembrolizumab.

L’uso di tali medicinali ha dimostrato, finora, di essere la migliore possibilità terapeutica di “seconda linea”, vale a dire successiva a un ciclo di chemioterapia, in questo genere di patologia.

All’ultimo congresso dell’Aiom, l’Associazione italiana di oncologia medica (www.aiom.it) svoltosi a Roma nei giorni scorsi, è stato confermato che il tumore ai polmoni è la prima causa di morte nei maschi (26% dei decessi per cancro) e la terza nelle femmine (11%).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.