BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Primo Maggio: festa in anticipo e corteo con “tutti i popoli”

Iniziative Fisascat Cisl per lavoratori e immigrati. Citerio: “Vogliamo testimoniare la vicinanza del sindacato a tutte le persone”.

Il “Primo Maggio” di chi non ha il “Primo Maggio”. Sabato 30 aprile, alcuni operatori della Fisascat Cisl di Bergamo hanno organizzato, fuori dalla RSA di Villa d’Adda, la Festa del Lavoro, pensando a tutti quei lavoratori che il Primo Maggio lavorano.
Bandiere, musica, qualcosa da bere e qualche cartello inneggiante slogan su lavoro e libertà.

“Abbiamo scelto di manifestare la nostra vicinanza a questi lavoratori – dice Alessandro Locatelli, operatore della Fisascat di Bergamo -, perché è giusto celebrare quanti, non solo il Primo Maggio, devono rinunciare a festeggiare come tutti gli altri”.

La scelta, quest’anno, è caduta sulla RSA di Villa d’Adda, dove lavorano più di 100 persone che per ovvie ragioni di servizio non possono chiudere. Con loro, questo “primo maggio in anticipo” cerca di abbracciare ogni lavoratore che per i più svariati motivi non può assentarsi dal lavoro e quindi non potrà partecipare alla festa, al corteo e ai comizi che si svolgono in ogni città.

Sono diverse migliaia in provincia di Bergamo i “forzati della festa”: assistenti, infermieri e medici, responsabili della pubblica sicurezza e, “purtroppo, i lavoratori del commercio, soprattutto dei grandi centri commerciali, che da troppo tempo non conoscono più festività, né civiche, né religiose – sottolinea Alberto Citerio, segretario generale della Fisascat Cisl orobica. Negli anni scorsi, il compito che ci eravamo affidati era quello di sensibilizzare l’opinione pubblica alla necessità che almeno il Primo Maggio ogni lavoratore potesse celebrare la Festa del Lavoro. Quest’anno abbiamo voluto far sentire la nostra vicinanza a questi stessi lavoratori, festeggiando con loro in anticipo, e con loro non dimenticando nessuno dei “colleghi” impegnati alle case, nelle corsie o sulle strade”.

Oltre a “chi non ha il Primo Maggio”, quest’anno la Fisascat ha voluto allargare l’orizzonte della festa e cercare di coinvolgere nella manifestazione sindacale colori e bandiere raramente presenti. “Sarà il Primo Maggio dei Popoli” – dice Citerio. Lavoratori, ragazzi e immigrati provenienti da diversi paesi e culture . Saranno coinvolti nel corteo e porteranno le loro lingue e i loro suoni, per testimoniare l’esigenza di un’accoglienza e di una integrazione non solo possibile, ma sempre più necessaria”.

All’appello della Fisascat, “nato per testimoniare la vicinanza con ogni lavoratore e con tutte le persone”, hanno risposto gruppi e associazioni dall’India al Marocco, dal Brasile alle Filippine…

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.