BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Cornali, un gigante della pittura del Novecento raccontato da Burnelli

Domenica 1° maggio alle 18.30, allo Spazio Incontri della 57ª Fiera dei Librai, l'autrice Stefania Burnelli presenterà il volume "Cornali. Memorie del Novecento" edito da Grafica & Arte.

Domenica 1° maggio alle 18.30, allo Spazio Incontri della 57ª Fiera dei Librai, l’autrice Stefania Burnelli – critica d’arte per Bergamonews.it – presenterà il suo volume “Cornali. Memorie del Novecento” edito da Grafica & Arte.

«Si è voluto confezionare, con scrupolo e fedeltà alla verità storica e morale, una biografia che ricostruisse le non sempre facili vicende esistenziali e artistiche di una personalità inquieta ma coerente, riservata e complessa, volutamente ai margini della pubblica scena delle arti eppure attivamente partecipe e propositiva nel travagliato panorama di ricerca delle istanze pittoriche del Novecento. Mario Cornali, appartato come ha scelto di vivere in questa piccola terra d’Europa, consapevole dei paradigmi della grande storia dell’arte e curioso delle frontiere espressive del contemporaneo, ha operato con tenace passione, ancorato al lessico di una tradizione pittorica che in Bergamo affonda salde e nobili radici, ma aggiornato e attento, sempre, all’attualità della ricerca e del dibattito artistico internazionale. Seguendo i suoi silenziosi passi lungo un secolo di grandi cambiamenti, tra accelerazioni e resistenze, si è cercato di dare conto, per cenni e allusioni, di un clima, anzi di più climi storici e culturali, che aiutassero a inquadrare nel suo – che per certi versi è ancora (per quanto?) il nostro – tempo, la sua figura di uomo e la sua dimensione di artista».
(Dalla Prefazione di Stefania Burnelli)

«Un pittore, senza dubbio. Meglio ancora: un talento pittorico di raro timbro e notevole respiro il bergamasco Mario Cornali, classe 1915, che chiama in causa non poche avventure del secolo scorso seppur filtrate e tenute, costantemente, a distanza. Ma un talento costretto, volontariamente, entro un microcosmo esistenziale e artistico che, come un recinto, lo vincola a un lessico famigliare in più di un senso affatto bergamasco. E lo esclude – come la mitica siepe leopardiana – da tanta parte d’orizzonte artistico contemporaneo, limitandone forse, difendendone senza dubbio l’originalità esclamativa. Di cui è esplicitazione il ductus pittorico, l’elabo-razione per via di mettere delle terre e la conseguente articolazione plastica, il graffiante segno grafico che abbraccia le più varie sperimentazioni incisorie. Cornali manifesta sin dagli esordi, succeduti all’apprendistato – ancora ragazzetto lavora come frescante alle dipendenze di Nespoli –, un lessico aspro, vitale, ricco di avventure desuete. Una vita d’artista, tuttavia, nel senso più puro e profondo del termine, come documenta la biografia storica di Stefania Burnelli, riafferma il video-racconto di Antonio Occhiuto, confermano le testimonianze raccolte con acume da Pietro Paolo Aiolfi, autore anch’egli di un contributo conoscitivo prezioso, infine ribadisce brillantemente il cammeo proteso a tratteggiarne un consuntivo profilo critico in guisa di post-fazione di Elisabetta Calcaterra: differenti approcci prospettici e più scritture coese, richiamantesi l’un l’altra, a comporre un poliedrico ritratto dell’uomo e dell’artista Cornali».
(dall’Introduzione di Rolando Bellini)

Caratteristiche tecniche:
Formato cm 17×24 – 224 pagine – 60 tavole a colori e 106 fotografie in bianco e nero – Rilegatura in brossura – Contiene DVD “Viaggio nei ricordi”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.