BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Web e social network nella vita reale? Ecco la provocazione di un artista foto

L'idea è quella di dimostrare che queste funzioni virtuali, ritenute dalla stragrande maggioranza della popolazione come necessarie e fondamentali per la vita di tutti i giorni, sono tali anche in un paese dove la connessione stenta ad arrivare.

Un antico borgo nella provincia di Campobasso è diventata la tela del nuovo progetto di Biancoshock, uno degli street-artist più voga del momento.

Questa volta l’artista milanese ha unito tecnologia e tradizione, trasformando il web 2.0 in quello che lui definisce web 0.0.

Biancoshock

A Civitacampomarano, un paesino di circa 400 abitanti, Internet non è mai arrivato e il cellulare stenta a prendere. Così, ecco l’idea di Biancoshock: trasformare la cabina telefonica in un punto WhatsApp, la buca delle lettere nella casella postale di Gmail, la bacheca del paese in quella di Facebook e la panchina un cinguettio di Twitter.

biancoshock

Il senso di tutto ciò? Dimostrare che queste funzioni virtuali, ritenute dalla stragrande maggioranza della popolazione come necessarie e fondamentali per la vita di tutti i giorni, sono tali anche in un paese dove la connessione stenta ad arrivare.

biancoshock

Ah, già: nelle foto c’è pure quella di Tinder: a buon intenditore, poche parole…

biancoshock

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.