BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Il maltempo prova a rovinare la Cavalcata, ma sono 500 i centauri che girano le valli

Si sapeva, senza il bel tempo quale alleato la Cavalcata stradale delle Valli Orobiche non è mai decollata ed anche nella edizione di Primavera proposta il 17 aprile la pioggia ed il cielo grigio hanno tenuto lontani molti motociclisti.

Al ritrovo in via Carducci, davanti alla concessionaria Honda Dall’Ara, se ne sono presentati 230 ma – se consideriamo anche un centinaio di “portoghesi” (quelli senza regolare iscrizione) ed una cinquantina di addetti al servizio – quasi cinquecento centauri hanno animato la festosa manifestazione. Peccato perché questa Cavalcata era stata riproposta proprio per compensare l’annullamento (per maltempo) di quella canonica del mese di ottobre.

Il via è stato dato alle 9.55, con 5 minuti di anticipo, starter l’assessore comunale Loredana Poli, accanto a lei il presidente del Club organizzatore Andrea Gatti e Giuseppe Pezzoli del Coni Bergamo. In prima fila, subito dopo la staffetta di polizia e carabinieri, l’avvocato Ettore Tacchini, a lungo dirigente della Federmoto.

Buona la percentuale di possessori di mezzi d’epoca ma sono state soprattutto le grosse cilindrate a farla da padrone. Imboccata via San Bernardino il gruppo di escursionisti ha quindi toccato Curno e Presezzo, i due Almenno, Roncola, Capizzone, Berbenno e Brembilla. L’itinerario (di 150 km, 115 quello ridotto) prevedeva quindi passaggi in Valle Brembana toccando San Pellegrino e Dossena, poi Serina e Cornalba fino a raggiungere Aviatico (dimostratasi molto ospitale) dove era previsto il ristoro intermedio al piazzale del Municipio. Quindi discesa in Val Seriana attraverso Ganda e Orezzo per poi approdare al capolinea, fissato allo shopping center Le Due Torri di Stezzano (con pasto finale tra 14 scelte diverse e dove si ritirava il thermos da mezzo litro omaggio).

All’arrivo non è voluto mancare l’imprenditore ed ex presidente del McBergamo Franco Acerbis, con lui il noto alpinista russo Urubko (tutti i 14 8000 all’attivo), pure appassionato di motociclismo. Tutto sommato soddisfatti Gatti ed il direttore del Centro commerciale Roberto Speri, tra sei mesi (il 23 ottobre) si punterà a fare meglio nella versione autunnale della Cavalcata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.