BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

L’Europa dei giovani a Bergamo per l’evento Aegee: “Attesi più di 1000 studenti” video

Saranno loro i protagonisti di Agora: cinque giorni di incontri, workshop e seminari di formazione che renderanno la città una delle capitali mondiali della gioventù. Obiettivo: promuovere i concetti di Europa unita, la cooperazione e il dialogo internazionale.

Dal greco antico ‘raccogliere’, ‘adunare’: ‘Agorà’ è il termine con il quale i greci indicavano la piazza della ‘polis’ – la città – come luogo di scambio e aggregazione.

Aegee

In questo caso, da piazza fungeranno gli spazi dell’Ente Fiera Promoberg di via Lunga, mentre la ‘polis’ sarà proprio la città di Bergamo, che dal 18 al 22 maggio 2016 accoglierà oltre 1.000 giovani studenti, in prevalenza universitari e compresi tra i 18 e i 35 anni, provenienti da ogni angolo d’Europa: dalla Spagna alla Turchia, dalla Finlandia alla Russia, fino a Malta, Cipro, Portogallo, Azerbaijan e molti altri ancora.

I ‘nuovi mille’ della città di Bergamo – rispolverando lo storico epiteto garibaldino – saranno gli ospiti della 61esima edizione di Agorà: l’assemblea generale di Aegee, la più grande associazione studentesca interdisciplinare europea che affonda le proprie radici in oltre 200 città e 40 nazioni, per un bacino d’utenza che coinvolge in attività di scambio culturale circa 13.000 membri.

Un meeting giovanile nomade per vocazione (si sposta ogni 6 mesi in una città europea diversa), che per cinque giorni renderà Bergamo una delle capitali mondiali della gioventù, al pari delle grandi metropoli europee che hanno di recente ospitato l’evento: come Amsterdam, Kiev, Budapest e Istanbul. Questo attraverso incontri, conferenze, workshop, seminari di formazione, gite turistiche e momenti di svago alla scoperta della città e della sua provincia.

“Durante questi giorni si affronteranno quelli che sono gli argomenti cardine dell’associazione – spiega Paolo Ghisleni, coordinatore di Spring Agora Bergamo 2016 – come l’integrazione europea, la democrazia, i diritti umani, la tolleranza e l’occupazione giovanile, senza perdere di vista tematiche di grandi attualità come quella dei migranti”. Di solito vengono invitati studiosi e politici ad affrontare i temi prescelti. Basti pensare che alle ultime edizioni hanno partecipato in video-conferenza il Segretario Nazionale della Nazioni Unite Ban Ki Moon ed il Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz. “A tal proposito – continua Ghisleni – stiamo lavorando per portare a Bergamo un’ospite di peso in rappresentanza delle istituzioni europee”.

“Un evento così grande fungerà da vetrina per tutta la città. Il nostro desiderio è convincere il maggior numero di ragazzi possibili a tornarvi”. Motivo per il quale “sono stati organizzati pacchetti turistici che mettano in contatto i visitatori con le bellezze artistiche e paesaggistiche offerte dal territorio”.

La cerimonia d’apertura sarà mercoledì 18 maggio, con eventi speciali aperti al pubblico in programma al Teatro Donizetti e lungo il Quadriportico del Sentierone.

Durante i cinque giorni di permanenza “uno dei padiglione della Fiera di Bergamo sarà adibito a dormitorio (i ragazzi porteranno da casa i loro sacchi a pelo e materassini, ndr) –, un altro a refettorio e un altro ancora sarà riservato alle attività”. Ad accogliere il bastimento carico di studenti ci saranno gli oltre 100 volontari di Aegee Bergamo: l’associazione no-profit che da 25 anni si fa promotrice di numerose attività di scambio culturale sul territorio bergamasco; supportando, tra le altre cose, i ragazzi del Progetto Erasmus. Una sorta di stella polare che li guida al momento dell’arrivo e li supporta costantemente durante il loro soggiorno.

L’evento può contare sulla collaborazione del Comune di Bergamo, dell’Università e di Turismo Bergamo, e per sostenere parte delle spese è stata lanciata una campagna di crowdfunding (ovvero di finanziamento collettivo) che ha portato alla raccolta di circa 3.500 euro: cifra che sarà destinata a coprire parte dei costi di vitto dei lavoratori volontari di Spring Agora Bergamo. Ma l’evento Aegee non sarà l’unico dedicato ai giovani in programma questo 2016: dal 19 al 24 luglio, infatti, sempre alla Fiera di Bergamo, si svolgerà Campus Party (guarda qui): Il Festival pensato per sviluppare il senso imprenditoriale nei mondi della creatività, della scienza e della tecnologia, chiamerà a raccolta circa 4.000 studenti universitari coinvolti in attività organizzate dalle aziende, che avranno così l’opportunità di selezionare i talenti migliori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.