BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Alessio, Daniele, Alessandro e Simone: 4 giovani morti in poche ore sulle strade di Treviglio fotogallery video

Quattro ragazzi non ancora ventenni che perdono la vita a poche ore distanza. Teatro della doppia tragedia delle prime ore di domenica 24 aprile, ancora una volta, le maledette strade della Bassa

Quattro ragazzi non ancora ventenni che perdono la vita a poche ore distanza. Teatro della doppia tragedia delle prime ore di domenica 24 aprile, ancora una volta, le maledette strade della Bassa, nella zona di Treviglio.

Il primo incidente mortale, quello più grave, nella notte, quando poco prima dell’una due 18enni e un 19enne Alessandro Surace, Alessio Manara e Daniele Colombelli, tutti di Mozzanica, hanno perso la vita a causa di un tremendo scontro della Fiat Panda su cui viaggiavano contro una Volkswagen Passat.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri trevigliesi, l’auto con a bordo i tre, probabilmente diretti in un locale serale molto frequentato di Treviglio, giunti alla curva di fronte allo stadio comunale di Caravaggio, per cause ancora da chiarire, ha invaso la corsia opposta, scontrandosi frontalmente con la vettura che sopraggiungeva.

Un impatto devastante, con il guidatore, Alessandro, che è morto sul colpo, incastrato fra le lamiere. Gli altri due sono invece riusciti a uscire vivi dall’abitacolo, ma sono spirati poco dopo nonostante le cure dei medici.

Un quarto ragazzo a bordo della Panda, Dimitry Krasnov, 18enne di origini bielorusse, si è miracolosamente salvato riportando solo alcune lesioni. Feriti, anche se in modo non grave, anche gli occupanti della Passat, una coppia di fidanzati di Romano di Lombardia di 30 e 32 anni.

Straziante il momento in cui sul luogo dell’incidente sono arrivati i genitori delle vittime, urlando i nomi dei propri figli nella speranza di trovarli ancora in vita, per poi scoppiare il lacrime una volta constatato il decesso.

Alessio, Daniele e Alessandro erano molto legati tra di loro e uscivano spesso per serate insieme, come dimostra la foto scattata a una festa hawaiana e pubblicata sui loro profili Facebook. Proprio lì, sulle loro bacheche, dove gli amici ora li piangono e li ricordano con frasi di cordoglio.

I corpi di Alessio e Daniele sono stati composti nella camera mortuaria del cimitero di Caravaggio. Il cadavere di Alessandro sarà sottoposto all’esame autoptico.

Poche ore più tardi e a pochi chilometri di distanza, ecco la seconda tragedia di una domenica drammatica. Questa volta a perdere la vita è stato un 19enne di Treviglio, Simone Scotti di 19 anni, deceduto in seguito a una brutta caduta con la sua moto Ducati. L’incidente mortale è avvenuto proprio a Treviglio, sulla strada provinciale 128, intorno alle 11 di domenica.

Ancora da chiarire la dinamica. Da una prima ricostruzione, pare che Simone sia caduto da solo, forse a causa di un malore che lo ha colpito mentre viaggiava a bordo della sua due ruote. Una caduta rovinosa, finita contro il guard-rail, che non gli ha lasciato scampo.

Inutile l’intervento del personale medico a bordo di un’automedica del 118. Sul posto è intervenuta anche una pattuglia della polizia stradale di Treviglio. La strada su cui è avvenuto l’incidente, che da Treviglio porta a Brignano, è stata chiusa al traffico per alcune ore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.